Avversarie Champions: il City vince (3-0 sul Wigan) e convince con una tripletta di Aguero

Altra ottima prestazione della squadra di Mancini. Quarta vittoria su quattro gare in Premier

 

Al City of Manchester Stadium va in scena la quarta giornata di Premier League tra Manchester City e Wigan. I Citizens scendono in campo dopo una settimana travagliata in seguito alle dimissioni del direttore generale Garry Cook , reo di aver inviato una mail offensiva alla madre del difensore Onuoha, la quale aveva cercato di risolvere il problema contrattuale del figlio. Roberto Mancini schiera una formazione rimaneggiata in vista dell’impegno di mercoledì sera di Champions League contro il Napoli lasciando in panchina i gioielli Dzeko e Nasri. Fra i pali c’è il giovane Harte, la difesa a quattro è composta da Kompany, Richards, Lescott e Clichy, a centrocampo ci sono Johnson, Milner, Yaya Tourè e David Silva, il tandem d’attacco è formato da Tèvez e Aguero. Il Wigan risponde schierando Al Habsi, Caldwell, Boyce, Figueroa, Piscu, Watson, Moses, McArthur, Diamè, Rodallega, Di Santo. Al 9’ minuto è David Silva a concludere in porta in seguito ad una bella azione sviluppata dai Citizens sulla fascia destra, ma il portiere Al Habsi blocca senza problemi. All’11 minuto, su calcio d’angolo di Adam Johson, è il difensore Lescott a rendersi pericoloso  di testa dopo uno scontro in area di rigore avversaria ma il pallone viene deviato in calcio d’angolo da Al Habsi. Al 12’ il City passa con Aguero: dalla sinistra dell’aria di rigore David Silva pesca con un bell’assist El Kun che piazza con un raso terra il pallone sul secondo palo alle spalle portiere. Al 14’ il centravanti del Wigan Franco Di Santo cerca di portare il punteggio in parità cercando di sfruttare un’indecisa uscita di Harte su un lancio in profondità di Piscu non trovando però fortuna. Al 17’ minuto Tevez sbaglia clamorosamente un rigore procurato dal City su fallo netto del difensore Lopez Piscu, facendosi parare la conclusione rasoterra dal portiere Al Habsi. Nonostante l’errore dal dischetto il City macina gioco con continuità grazie ad un buon possesso palla, riservando agli avversari solo qualche timida ripartenza in contropiede. Al 27’ sontuosa giocata di Carlitos Tevez che, convergendo dalla mediana verso il centro, premia con un delizioso passaggio in profondità il terzino Richards che, a tu per tu con il portiere, tenta il pallonetto colpendo però la traversa. Al 32’ il senegalese Diamè tenta di scuotere i suoi con una potente conclusione da fuori area, ma il tiro termina alto sopra la traversa. Al 34’ il City è ancora una volta sfortunato: su calcio d’angolo dello spagnolo Silva è Company di testa a spedire il pallone sul palo, successivamente poi Yaya Tourè non riesce a trovare la porta con un  potente diagonale. Il City imbastisce trame offensive di gioco di ottima fattura grazie ai suoi palleggiatori migliori come David Silva, Milner, Aguero e Tevez, ma anche grazie alle percussioni su ambo le fasce, soprattutto sulla corsia sinistra dove operano Richards e Johson. Al 42’, dopo una conclusione del colombiano Rodallega deviata da Lescott, il portiere Harte esce coraggiosamente sventando la minaccia dell’attaccante avversario Di Santo. Il primo tempo termina con il meritato vantaggio di un City molto sfortunato con i vari legni colpiti. Il secondo tempo comincia sulla stessa lunghezza d’onda del primo, con Carlitos Tevez che si rende subito pericoloso con un bel diagonale ad incrociare su quale il portiere dell’Oman devia in angolo. Le redini di gioco sono sempre in mano ai Citizens, i quali sviluppano ogni trama offensiva cercando di portare a rete il maggior numero di giocatori possibili. Al 58’ guizzo del Wigan con l’attaccante colombiano Rodallega che, innascato da Moses, conclude di prima intenzione in rete ma Harte respinge in angolo la minaccia. Al 60’ esce Carlos Tevez per far posto al francese Nasri. Al 62’ minuto è ancora Aguero a raddoppiare per i suoi: nella zona mediana del campo Yaya Tourè serve centralmente David Silva che un tacco pregevole serve il neo entrato Nasri il quale, vedendo il movimento in profondità dell’attaccante argentino, serve un assist d’oro all’ex colchonero che piazza facilmente il pallone sul secondo palo alle spalle di Al Habsi. Al 68’ El Kun cala il tris: è sempre David Silva che con una grande giocata buca la difesa del Wigan e con un bel passaggio serve Aguero il quale, a tu per tu con il portiere avversario, piazza il pallone in rete con la freddezza giusta per il 3-0. E’ il sesto centro in Premier per il genero di Maradona. Al 71’ Roberto Mancini gli regala la standing ovation sostituendolo con Mario Balotelli. Al 79’ esce Yaya Tourè per far spazio al giovane Razak. Il City gioca sul velluto il resto della gara forti del largo vantaggio. All’88’ Adam Johson tenta di piazzare con un sinistro a giro il pallone ma la sua conclusione da fuori area termina di poco fuori. La partita termina con il risultato di 3-0. La squadra di Roberto Mancini si presenta alla gara di mercoledì sera con una forma strepitosa in seguito alle quattro vittorie rimediate nelle prime quattro giornate di Premier League. Walter Mazzarri  per contenere i Citizens dovrà innanzitutto chiudere le loro fonti di gioco ovvero David Silva e Nasri per poi cercare di ripartire in contropiede con i suoi velocisti migliori.

 

Gilberto D’Alessio

 

Tufano
Vesux
Pizzalo Pozzuoli

I Am Naples Testata Giornalistica - aut. Tribunale di Napoli n. 33 del 30/03/2011 Editore: Francesco Cortese - Andrea Bozzo Direttore responsabile: Ciro Troise © 2018 IamNaples Salvo accordi scritti, la collaborazione con questo blog è da considerarsi del tutto gratuita e non retribuita. In nessun caso si garantisce la restituzione dei materiali inviati. Del contenuto degli articoli e degli annunci pubblicitari sono legalmente responsabili i singoli autori. - Tutti i diritti riservati Vietata la riproduzione parziale o totale dei contenuti di questo portale Tutti i contenuti di IamNaples possono essere utilizzati a patto di citare sempre IamNaples.it come fonte ed inserire un link o un collegamento visibile a www.iamnaples.it oppure al link dell'articolo.