Belotti-story, parla Galletti: “Così inizio la sua carriera da bomber. Vi racconto di quella volta…”

“Partiamo da un presupposto. A 14-15 anni, Andrea non era un fenomeno…”. Una sentenza, sì. Ma ribaltata col lavoro sul campo. Andrea Belotti ha stupito tutti, ieri sera i primi due gol all’esordio da titolare in Serie A. Una carriera vissuta all’Albinoleffe, tra settore giovanile e Prima Squadra. Poi, il biglietto aereo e la valigia pronta destinazione Palermo. Storia di un anno fa. Eppure, dopo il provino non superato con l’Atalanta a 14 anni, anche con l’Albinoleffe la storia d’amore poteva interrompersi. “Andrea – racconta Roberto Galletti aGianlucaDiMarzio.com – lo ricordo benissimo, eccome. L’ho allenato nella sua parentesi con gli Allievi Nazionali dell’Albinoleffe. Lui, classe 1993, si allenava con i ’92 perché in quel periodo l’Albinoleffe decise di attuare un progetto biennale. Andrea però giocò poco, non convinceva. Tanto che la società decise di mandarlo via con altri classe 1993…”.

E poi?
“Parlai con la società. E riuscii ad ottenere una proroga di sei mesi. Credevo in Andrea, si allenava tutti i giorni come un matto. Aveva voglia di sudare, lavorare, arrivare. Però… Non era un talento, ecco. Giocavamo contro Inter, Milan: si vedeva che c’erano calciatori con altra qualità”.

Lei parlò con Andrea dopo aver appreso la decisione della società? 
“Sì, parlai con lui e con gli altri ragazzi. E dissi chiaramente loro che c’era la possibilità che venissero ceduti. Andrea avrebbe potuto demoralizzarsi, invece fu lì che scatto la molla decisiva: si è preso sul campo quello che voleva, col lavoro di tutti i giorni”.

Lo schierava da attaccante centrale o da esterno?
“Per alcune partite decisi di schierarlo da esterno, così da togliergli pressione. Per l’attaccante il gol è tutto ed Andrea è sempre stato un attaccante. Però durante gli allenamenti mi dimostrava di avere qualità fisiche importanti, anche da attaccante esterno poteva – ed ha – reso. Questo che gli ha permesso di confermarsi all’Albinoleffe. E poi c’è un altro elemento importante nella sua carriera”.

Prego…
“La famiglia. Quando compiva gli anni, in dicembre, i genitori organizzavano una festicciola al campo d’allenamento. Portavano torte, panini, salame. Gente comune, con dei valori veri”.

La svolta quando è arrivata? 
“A Brescia. Per me era una gara importante a livello personale, Andrea segnò una doppietta. E lì stregò anche il suo attuale procuratore, al quale spiegai il processo di crescita di quegli anni. L’ho sempre seguito. Nell’esordio in C, in quello in B e anche ieri sera all’esordio da titolare in A. Può arrivare anche in Nazionale”.

Lo ha più sentito?
“Sì, lo chiamo spesso. E gli ricordo sempre quell’episodio che abbiamo vissuto insieme all’Albinoleffe. Andrea non ha paura, arriverà in alto”.

La doppietta al Napoli è solo l’inizio. Belotti, il ragazzino diventato fenomeno, non vuole fermarsi.

Tufano
Simon tech

I Am Naples Testata Giornalistica - aut. Tribunale di Napoli n. 33 del 30/03/2011 Editore: Francesco Cortese - Andrea Bozzo Direttore responsabile: Ciro Troise © 2018 IamNaples Salvo accordi scritti, la collaborazione con questo blog è da considerarsi del tutto gratuita e non retribuita. In nessun caso si garantisce la restituzione dei materiali inviati. Del contenuto degli articoli e degli annunci pubblicitari sono legalmente responsabili i singoli autori. - Tutti i diritti riservati Vietata la riproduzione parziale o totale dei contenuti di questo portale Tutti i contenuti di IamNaples possono essere utilizzati a patto di citare sempre IamNaples.it come fonte ed inserire un link o un collegamento visibile a www.iamnaples.it oppure al link dell'articolo.