CorSport – Milan, ultimatum dai cinesi: entro 24 ore la decisione di Berlusconi

CorSport – Milan, ultimatum dai cinesi: entro 24 ore la decisione di Berlusconi

Tempo scaduto. O quasi. L’ultimatum parte dritto dalla 43esima di New York, a firma Sal Galatioto, advisor che sta tentando di mediare, con tantissima fatica, con la sua GSP, la scalata all’A.C. Milan di Silvio Berlusconi. Mittente la conglomerata cinese interessata all’acquisto, composta da almeno sei gruppi finanziari (tra cui l’Evergrande Real Estate Group, come anticipato in esclusiva dal corrieredellosport.it); destinatario la Fininvest, proprietaria del 99,9 per cento delle azioni del Milan (lo 0,1 appartiene, come noto, ai piccoli azionisti).

Il tempo è scaduto, la pazienza delle holding orientali che hanno pronta un’offerta per l’acquisto del club di Via Aldo Rossi, ha raggiunto il limite. Soprattutto dopo l’uscita sul suo profilo ufficiale di Facebook di Silvio Berlusconi in persona e dopo quel «sto cercando di vendere il Milan da un anno e preferibilmente lo lascerei in mani italiane». Tempo scaduto: la GSP di Sal Galatioto ha posizionato le lancette, o entro domani arriva il sì di Berlusconi e la firma di Fininvest sull’accordo ad andare in trattativa in esclusiva, oppure la conglomerata cinese saluta e se ne va. Se saranno concesse delle proroghe, a quanto ci risulta, saranno solo perché serviranno ulteriori dettagli per il sì, altrimenti la trattativa sarà interrotta.

TEMPO SCADUTO – I termini dell’operazione sono ormai noti e sono stati anticipati in esclusiva dal corrieredellosport.it lo scorso 15 aprile: Galatioto ha messo sul tavolo per conto dei gruppi finanziari cinesi interessati ben 730 milioni per l’acquisto del 100% del pacchetto azionario rossonero, il 70 % subito e il restante 30% da acquisire entro il termine della prossima stagione. Poi ha fornito le necessarie garanzie economiche, si è tenuto per sé soltanto i nomi dei possibili acquirenti, ma sotto la spinta dei dubbi di Silvio Berlusconi ha ceduto anche su questo punto.

Il summit che avevamo anticipato lo scorso venerdì, infatti, c’è stato ma è durato pochissimo. Berlusconi ha ricevuto gli emissari di Galatioto e tutta la documentazione sulla proposta cinese. Nel giorno del suo video che ha creato stupore e perplessità tra i possibili acquirenti, l’incontro alla fine è durato meno del previsto. Il tempo per fornire i dettagli necessari a tutta l’operazione, poi si è lavorato anche nel weekend. Che, a quanto ci risulta, è servito a fornire ulteriori rassicurazioni al patron rossonero sulla composizione della cordata cinese. In vista proprio del citato ultimatum.

UN LUNGO TIRA E MOLLA – Che non fosse una trattativa semplice, lo si era capito sin da subito. Anche se i segnali erano comunque positivi, con la Fininvest che è sembrata più volte sul punto di concedere la trattativa in esclusiva a Galatioto e alla sua conglomerata cinese. Berlusconi, sotto la spinta anche dei figli, Marina e Piersilvio su tutti, sembrava convinto.

Sembrava, perchè negli ultimi giorni ha prima chiesto garanzie sulla composizione della cordata, poi ha registrato in prima persona il video in cui annunciava la preferenza di vendere in mani italiane, cosa che ha infastidito e non poco i possibili acquirenti. Che hanno deciso di lanciare un ultimatum comprensibilissimo: hanno voglia di uscire allo scoperto e di tentare l’acquisto del Milan nella trattativa in esclusiva con Fininvest, ma non hanno più la pazienza di aspettare.

 

 

 

 

Fonte: Corrieredellosport.it

Calcio Napoli e altre news

[themoneytizer id=19885-23]
[themoneytizer id=19885-19]


SCARICA ORA LA NOSTRA APP!

app iamnaples apple

app iamnaples google