Croazia-Italia, svastica in campo: la Uefa apre un’inchiesta

Una coro di “vergogna” e “che figuraccia” domina oggi tutta la stampa croata come reazione alla svastica disegnata ieri sull’erba dello stadio di Spalato, mentre il pareggio tra Italia e Croazia quasi non viene nominato: la domanda ora è se e come la Uefa punirà la nazionale di Niko Kovac. Le scuse del portavoce della Federcalcio croata, date subito dopo la fine della partita, non contano molto a questo punto, tenendo conto anche del fatto che la partita è stata giocata a stadio chiuso come punizione per gli eccessi razzisti e nazionalistici dei tifosi croati. Per il Novi list di Rijeka “ora nessuno può più affermare che la Croazia l’anno prossimo giocherà all’Euro in Francia, non per il risultato di ieri, ma per la reazione della Uefa che probabilmente non chiuderà gli occhi davanti a un’ennesima provocazione fascista degli hooligan croati”.

VIDA CHIEDE CLEMENZA – Il difensore della nazionale croata, Domagoj Vida, in un commento dopo la partita ai cronisti croati ha descritto l’atmosfera negli spogliatoi: “Ne abbiamo parlato tanto, ora speriamo soltanto che la Uefa sia clemente verso di noi, ci dispiace”. Tra le teorie che circolano in rete sulle motivazioni di che e perché abbia disegnato il simbolo nazista prevale quella che si è trattato di un “atto premeditato con lo scopo di danneggiare la nazionale della Croazia“, come ipotizza il Jutranji list di Zagabria. Le tensioni tra la dirigenza del calcio croato e l’Hajduk di Spalato, che si sente discriminata a paragone della Dinamo di Zagabria, non sono una novità. Nelle settimane scorse molte erano le voci che il presidente della Federcalcio, Davor Suker, avesse deciso di far disputare la Italia-Croazia a Spalato quando già probabilmente sapeva che sarebbe stata giocata a tribune vuote. Da anni Spalato chiedeva una partita importante al Poljud Stadium, e ora che finalmente l’ha avuta, si è giocata senza i tifosi. Suker ha poi promesso che avrebbe fatto di tutto per creare un’atmosfera di euforia nei giorni prima della partita, ma al dunque, i giocatori della nazionale si sono limitati a una breve passeggiata sulla piazza principale del capoluogo dalmata e a una visita a un asilo nido.

PROTESTE – Ieri sera, infatti, sostengono i cronisti, a Spalato è mancata la tradizionale aria di festa nei bar e nelle piazze, come segno di una protesta passiva dei tifosi in Dalmazia contro il trattamento della loro città e della loro squadra da parte della direzione calcistica croata. “Alcuni tra i più radicali – spiega il Jutarnji list – hanno deciso di colpire nel punto più debole dell’oligarchia calcistica croata “, che da anni è esposta a critiche della stampa internazionale e punizioni della Uefa per gli eccessi sciovinistici e fascisti di fronde estreme delle tifoserie. “Nella città divenuta epicentro della resistenza contro i quartieri alti del calcio in Croazia si potevano attendere simili drastiche e dettagliante pianificate diversioni”, conclude il Jutranji list.

LA POLIZIA – La polizia di Spalato, dove ieri si è disputata la partita tra Croazia e Italia valida per le qualificazioni all’Euro 2016, ha avviato una “inchiesta urgente” per individuare chi – e come – abbia disegnato una svastica sull’erba del campo. Immediatamente dopo il fischio finale dell’arbitro una squadra di agenti in borghese ha fatto un sopralluogo e preso campioni di erba, probabilmente trattata con una sostanza chimica, che nei prossimi giorni sarà esaminata al Centro per le analisi forensi di Zagabria. Stamane sono stati interrogati gli addetti di una società privata locale incaricata della manutenzione del campo dello stadio Poljud a Spalato. Per ora è stata sporta denuncia contro ignoti. Intanto sono circolate fotografie dell’allenamento di ieri della squadra italiana dalle quali si può, anche se molto indistintamente, scorgere il simbolo nazista, divenuto chiaro solo durante l’intervallo e sotto i riflettori.

SI MUOVE LA UEFA –  La Uefa aprirà, molto probabilmente già lunedì, un’inchiesta sulla svastica disegnata a Spalato da ignoti ultrà croati sul campo sul quale si è giocata la partita con l’Italia, a porte chiuse. La disciplinare europea attende di ricevere dall’arbitro, l’inglese Atkinson, e dal suo delegato, il danese Daamrgard, referto e rapporto per valutare se ‘eventualmentè aprire un fascicolo.

fonte: cds

Sartoria Italiana
Vesux

I Am Naples Testata Giornalistica - aut. Tribunale di Napoli n. 33 del 30/03/2011 Editore: Francesco Cortese - Andrea Bozzo Direttore responsabile: Ciro Troise © 2021 IamNaples
Salvo accordi scritti, la collaborazione con questo blog è da considerarsi del tutto gratuita e non retribuita. In nessun caso si garantisce la restituzione dei materiali inviati. Del contenuto degli articoli e degli annunci pubblicitari sono legalmente responsabili i singoli autori. - Tutti i diritti riservati Vietata la riproduzione parziale o totale dei contenuti di questo portale Tutti i contenuti di IamNaples possono essere utilizzati a patto di citare sempre IamNaples.it come fonte ed inserire un link o un collegamento visibile a www.iamnaples.it oppure al link dell'articolo.