L’angolo del calcio argentino: San Lorenzo e San Martin finalmente salvi

Il punto sugli spareggi per la salvezza nel campionato argentino

Si sono chiusi gli spareggi per l’assegnazione degli ultimi due posti in massima serie argentina. Il San Lorenzo,dopo l’importantissima vittoria in casa dell’Istituto di Cordoba grazie alla doppietta di Carlos Bueno, impatta al ‘Nuevo Gasometro’ e chiude con un sorriso il sofferto semestre. Parte meglio l’Istituto ‘cordobese’ che, costretto a rincorrere, si sbilancia guidato dal giovane talento di Paulo Dybala. ‘La Joya’(accostato in passato a Napoli ed Inter) dimostra di meritare le attenzioni di mezz’Europa mettendo in apprensione da solo l’intera retroguardia dei ‘santi’, ma la sorte non sorride al promettente attaccante. Dall’altra parte sotto tono il protagonista della gara d’andata Bueno,che si fa notare solo per un ottimo assist al connazionale Salgueiro, il cui guizzo è scongiurato in angolo dall’attento Chiarini. L’ultima occasione della prima frazione è targata San Lorenzo con Ortigoza, ma l’imprecisione grazia Chiarini.  Il secondo tempo vede i ‘cordobesi’ costretti a spingersi in avanti,ma il risultato non si smuove per la gioia ‘de la hinchada’ locale che offre uno spettacolo di rara bellezza e letteralmente spinge Caruso Lombardi a mandare in campo il beniamino Leandro Romagnoli. L’Istituto però non è ancora domato e con un micidiale contropiede  si porta avanti con Lagos,che gela l’entusiasmo sugli spalti. Nel momento più difficile sale in cattedra Buffarini,che schizza sulla destra e lancia Kalisnki. Barsottini lo sbatte a terra in area per un rigore sacrosanto che Ortigoza non fallisce. Finisce 1-1 per la gioia del popolo azulgrana,tra i più entusiasmanti di tutta l’Argentina.

Tira un sospiro di sollievo anche il San Martin. La compagine  di San Juan aveva una brutta gatta da pelare visto l’approccio deciso del Rosario Central a questi spareggi. L’andata,chiusasi sullo 0-0, aveva lasciato non pochi rimpianti ai rosarini,costretti al palo da uno strepitoso Ardente. L’estremo difensore dei ‘verdinegros’ si dimostra ancora una volta insuperabile,ma quanta fatica. La Canalla’ non patisce il fattore campo e domina anche la gara di ritorno. Medina al 10’ ha l’occasione della vita: servito da Carrizo entra in area da solo,ma Ardente si esalta deviando in angolo. Passano pochi minuti e Gomez sfiora il vantaggio con un bolide dalla distanza. Il solo Caprari brancola nel buio e l’unica conclusione al 44’ da distanza siderale ben sottolinea la scarsa lena dei padroni di casa. Nella ripresa il Rosario continua a fare la partita,ma Ardente dimostra di meritare una scultura aurea nel centro di San Juan,visto che manterrà inviolata la propria porta con parate da vero supereroe. Gli ultimi minuti vedono i ‘verdinegros’ alzare una vera e propria barricata che garantirà il pareggio e la permanenza ‘en primera’ in virtù dei criteri degli spareggi che vedono salvarsi in caso di doppia parità la squadra che proviene dalla categoria maggiore.

Francesco Pugliese

 

Vesux

I Am Naples Testata Giornalistica - aut. Tribunale di Napoli n. 33 del 30/03/2011 Editore: Francesco Cortese - Andrea Bozzo Direttore responsabile: Ciro Troise © 2021 IamNaples
Salvo accordi scritti, la collaborazione con questo blog è da considerarsi del tutto gratuita e non retribuita. In nessun caso si garantisce la restituzione dei materiali inviati. Del contenuto degli articoli e degli annunci pubblicitari sono legalmente responsabili i singoli autori. - Tutti i diritti riservati Vietata la riproduzione parziale o totale dei contenuti di questo portale Tutti i contenuti di IamNaples possono essere utilizzati a patto di citare sempre IamNaples.it come fonte ed inserire un link o un collegamento visibile a www.iamnaples.it oppure al link dell'articolo.