L’angolo del calcio estero:il City balza in testa,in Spagna il sogno Levante continua,il Bayern vola

PREMIER LEAGUE

Mantiene l’imbattibilità stagionale Alex Ferguson, infatti nell’ottava giornata di Premier League i Red Devils pareggiano all’Anfield Road contro un ottimo Liverpool. I campioni di Premier  I padroni di casa passano in vantaggio con Steve Gerrard al 67′ su calcio da fermo sfruttando il pertugio giusto in barriera. Il pareggio è opera di Chicharito Hernandez che di testa, sugli sviluppi di un calcio da fermo, ristabilisce la parità del match.  Ne approfitta il City di Roberto Mancini che, nonostante un ampia formazione rimaneggiata, riesce a vincere agevolmente 4-1 contro un Aston Villa poco incisivo. Ad aprire le danze è un Mario Balotelli, che si trova in uno straordinario periodo di forma, con una bella rovesciata al 28′ su un’azione di calcio d’angolo. Nella ripresa Johnson al 47′ sfrutta un’indecisione di Warnock per firmare il raddoppio. Poi al 52′ Kompany con un irruente stacco testa su calcio d’angolo insacca per la terza rete. Gli ospiti provano a riaprire il match con Warnock al 65′ che si fa perdonare l’errore precedente, ma al 71′ Milner chiude il match. Con questa vittoria i Citizens superano i cugini distanziati ora di due punti. L’Arsenal, in evidente crisi di gioco, vince in casa 2-1 contro il Sunderland trascinato da uno strepitoso Robin Van Persie. Notizie buone per i Gunners arrivano dagli altri campi, come il pareggio per 2-2 tra Newcastle e Tottenham: gli ospiti vengono riagguantati per ben due volte con le reti di Ba e Ameobi a rispondere a Van der Vaart e Defoe. Allo Stamford Brige il Chelsea di Villas Boas si porta a -3 punti dalla capilista Ciry vincendo agevolmente per 3-1 contro l’Everton grazie alle reti di Sturridge, Terry e Ramires. Il Norwich City sorprende e si impone per 3-1 contro lo Swansea City, in un simpatico derby delle neopromosse. Tra QPR e Blackburn termina 1-1 con entrambe le reti in 7 minuti, mentre, infine, il Bolton vince per 1-3 a Wigan con i padroni di casa. Lo Stoke City, pur soffrendo, batte per 2-0 il Fulham con le reti di Walters e Delap negli ultimi 10 minuti.

 

 

 

LIGA

 

La settima giornata di Liga vede vincente il Real Madrid per 4 a 1 contro il Betis Siviglia, che trova la terza sconfitta consecutiva dopo l’ottimo inizio di campionato. Nonostante la squadra di Josè Mourinho fatichi nella prima frazione di gioco, nella ripresa dilaga grazie ad una tripletta di Higuain (assoluto protagonista del match) e un goal strepitoso di Kakà. Jorge Molina sigla la rete della bandiera per la squadra di Siviglia. Il Valencia pareggia fuori casa per 1-1 a Palma de Maiorca. La squadra di Unai Emery  passa in vantaggio al 38 con una rete di Rami, ma al 90’ vengono beffati dall’israeliano Hemed su calcio di rigore.  Il Barcellona vince 3-0 in casa contro il Racing Santander di Hector Cuper grazie ad una doppietta di Leo Messi e alla rete di Xavi. La rivelazione di questo campionato, il Levante, continua nel suo strepitoso inizio di campionato imponendosi in casa 3-0 contro il Malaga chiudendo il match già nel primo tempo con Barkero, Juanlu e Kone. I levantini raggiungono quota 17 punti in classifica come i blaugrana campioni di Spagna.  Grazie ad una doppietta del portoghese Helder Postiga il Real Saragozza batte 2-0 la Real Sociedad di Philippe Montanier. Buona anche la vittoria fra le mura amiche del Siviglia contro lo Sporting Gijon per 2-1 con le reti di Manu e Cacares a rispondere alla rete di David Barral. Con questa vittoria la squadra di Marcelino sale al quarto posto in classifica a  quota 15 punti. L’Espanyol passa sul campo del Rayo Vallecano grazie a una rete a inizio ripresa del nazionale ivoriano Romaric. Un successo, il primo fuori casa, per uscire dalla zona retrocessione e portarsi a quota nove in classifica. L’Athletic vince e si tira fuori dalla mischia. Nel posticipo il Bilbao rifila un secco 3-1 all’Osasuna e risale a centro classifica a quota 8 punti. Decidono le reti di Munian, Gabilondo e Martinez, inutile il rigore allo scadere di Nekounam.

 

BUNDESLIGA

Nell’anticipo della nonna giornata di campionato di venerdì sera i campioni in carica del Borussia Dortmund vincono al Weserstadion contro il Wender Brema in piena condizione di forma. Gli uomini di Klopp passano al 42’ con uno splendido gol del croato Persic (che ad inizio ripresa si farà espellere) in seguito ad una bell’azione personale, e al 71’ dall’ex Owomoyela. Poker del Bayern che ora fa davvero paura. All’Allianz Arena finisce 4-0 contro l’Hertha Berlino: tre gol nei primi 13 minuti, con Gomez che infila una doppietta dando seguito al suo momento magico, mentre Neuer non subisce gol ormai da 1108 minuti. Dopo la sconfitta casalinga del Werder Brema anche l’altra inseguitrice del Bayern, il Borussia Mönchengladbach rallenta il ritmo pareggiando 2-2 contro il Bayer Leverkusen: Aspirine in vantaggio nel primo tempo con Reinartz, mentre nella ripresa l’uno-due di Reus e Herrmann ribalta la partita solo per un attimo, con Schürrle che però firma il pareggio finale a 3 minuti dal triplice fischio. Successi casalinghi invece per Stoccarda e Wolfsburg, che superano rispettivamente 2-0 l’Hoffenheim e 2-1 il Norimberga (per i Lupi doppietta di Mandzukic). Sul campo del Mainz, poi, arriva il primo successo per la neopromossa Augsburg, che conquista 3 punti in extremis grazie al rigore di Callsen-Bracker all’88′. Rigori ed espulsioni la fanno da padroni anche a Gelsenkirchen, dove lo Schalke 04 spreca l’occasione per salire al secondo posto perdendo contro il Kaiserslautern: ospiti in vantaggio con il penalty di Tiffert, ma nel secondo tempo Huntelaar risponde con la stessa moneta; decisivo quindi il gol dell’1-2 di Kouemaha al 72′ che insacca di testa sul cross di De Wit. L’Amburgo continua il lavoro di ricostruzione dopo l’esonero di Oenning: sotto gli occhi del neo-allenatore Thorsten Fink, la squadra vince 2-1 in trasferta a Friburgo, e si schioda così dall’ultimo posto in classifica. Dopo il gol iniziale di Son, che incorna in rete sugli sviluppi di un corner, è il solito Cissé a firmare il momentaneo pareggio in avvio di ripresa: poi Ilicevic, con un sinistro preciso, segna il gol che vale i tre punti. Terzo successo nelle ultime quattro gare di campionato per il Colonia di Lukas Podolski, ancora una volta grande protagonista in campo. L’attaccante della nazionale tedesca apre le marcature al 24esimo del primo tempo su calcio di punizione, mentre il gol del definitivo 2-0 arriva a 4 minuti dalla fine, quando lo stesso Podolski entra in area lateralmente liberandosi del suo marcatore con un tunnel per poi scaricare in rete da posizione defilata.

 

 

Gilberto D’Alessio

 

<

p style=”text-align: center;”> 

Sartoria Italiana
Vesux

I Am Naples Testata Giornalistica - aut. Tribunale di Napoli n. 33 del 30/03/2011 Editore: Francesco Cortese - Andrea Bozzo Direttore responsabile: Ciro Troise © 2021 IamNaples
Salvo accordi scritti, la collaborazione con questo blog è da considerarsi del tutto gratuita e non retribuita. In nessun caso si garantisce la restituzione dei materiali inviati. Del contenuto degli articoli e degli annunci pubblicitari sono legalmente responsabili i singoli autori. - Tutti i diritti riservati Vietata la riproduzione parziale o totale dei contenuti di questo portale Tutti i contenuti di IamNaples possono essere utilizzati a patto di citare sempre IamNaples.it come fonte ed inserire un link o un collegamento visibile a www.iamnaples.it oppure al link dell'articolo.