Milan, si al nuovo stadio: affare da 217 milioni di euro

Dopo 6 mesi, Fondazione Fiera Milano ha rotto gli indugi e ha accettato la proposta del Milan. Il sogno dell’a.d. Barbara Berlusconi adesso può diventare realtà: da Fondazione, proprietaria della vecchia fiera Campionaria di Milano, è arrivato il via libera a trasformare il polo fieristico nella nuova tana del Diavolo. E’ servita un’altra riunione, durata quasi due ore, ma poi il verdetto è arrivato. Ed è un sì alla realizzazione dello stadio di fronte a Casa Milan. Adesso serviranno le autorizzazioni del Comune di Milano, ma lo scoglio più grosso il club rossonero lo ha superato.
Oltre a caricarsi in toto degli interventi di bonifica del sottosuolo (il club prevede una spesa dai 15 ai 20 milioni), il Milan ha notevolmente potenziato il cash da pagare a Fondazione Fiera Milano per l’affitto dei suoli proprio negli ultimi giorni. Dai 3,5 milioni all’anno per 50 anni, i rossoneri sono saliti fino a 3,95 milioni annui: 450mila euro in più per ogni stagione, 22,5 milioni in 50 anni che porta l’offerta totale a 217,5 milioni (bonifica compresa). L’avversario del Milan, il gruppo bergamasco Vitali con la sua proposta di realizzare una Milano Alta, si è fermato a una proposta da 3,7 milioni annui per un totale di 185 milioni.
Fonte: Gazzetta.it
Sartoria Italiana
Vesux

I Am Naples Testata Giornalistica - aut. Tribunale di Napoli n. 33 del 30/03/2011 Editore: Francesco Cortese - Andrea Bozzo Direttore responsabile: Ciro Troise © 2021 IamNaples
Salvo accordi scritti, la collaborazione con questo blog è da considerarsi del tutto gratuita e non retribuita. In nessun caso si garantisce la restituzione dei materiali inviati. Del contenuto degli articoli e degli annunci pubblicitari sono legalmente responsabili i singoli autori. - Tutti i diritti riservati Vietata la riproduzione parziale o totale dei contenuti di questo portale Tutti i contenuti di IamNaples possono essere utilizzati a patto di citare sempre IamNaples.it come fonte ed inserire un link o un collegamento visibile a www.iamnaples.it oppure al link dell'articolo.