Milan, si al nuovo stadio: affare da 217 milioni di euro

Milan, si al nuovo stadio: affare da 217 milioni di euro

Dopo 6 mesi, Fondazione Fiera Milano ha rotto gli indugi e ha accettato la proposta del Milan. Il sogno dell’a.d. Barbara Berlusconi adesso può diventare realtà: da Fondazione, proprietaria della vecchia fiera Campionaria di Milano, è arrivato il via libera a trasformare il polo fieristico nella nuova tana del Diavolo. E’ servita un’altra riunione, durata quasi due ore, ma poi il verdetto è arrivato. Ed è un sì alla realizzazione dello stadio di fronte a Casa Milan. Adesso serviranno le autorizzazioni del Comune di Milano, ma lo scoglio più grosso il club rossonero lo ha superato.
Oltre a caricarsi in toto degli interventi di bonifica del sottosuolo (il club prevede una spesa dai 15 ai 20 milioni), il Milan ha notevolmente potenziato il cash da pagare a Fondazione Fiera Milano per l’affitto dei suoli proprio negli ultimi giorni. Dai 3,5 milioni all’anno per 50 anni, i rossoneri sono saliti fino a 3,95 milioni annui: 450mila euro in più per ogni stagione, 22,5 milioni in 50 anni che porta l’offerta totale a 217,5 milioni (bonifica compresa). L’avversario del Milan, il gruppo bergamasco Vitali con la sua proposta di realizzare una Milano Alta, si è fermato a una proposta da 3,7 milioni annui per un totale di 185 milioni.
Fonte: Gazzetta.it


Si iscrive alla Facoltà di Lettere e Filosofia all’Università Federico II di Napoli. La letteratura e la storia spesso prendono corpo negli articoli che egli scrive per Iamnaples.it: numerosi sono le citazioni ed i riferimenti ai personaggi legati ad epoche passate che rivivono in quelli di oggi; il suo motto è “La storia ritorna e si rinnova”. Iamnaples.it è la sua prima collaborazione e il direttore Ciro Troise, è stata la prima persona a dargli una concreta possibilità di cimentarsi nel mondo dell’informazione.

Calcio Napoli e altre news

[themoneytizer id=19885-23]
[themoneytizer id=19885-19]


SCARICA ORA LA NOSTRA APP!

app iamnaples apple

app iamnaples google