Tragedia in Argentina: Emanuel Ortega muore dopo incidente in campo. Sospesi tutti i campionati

Tragedia in Argentina: l'AFA sospende tutti i campionati

Il calcio argentino si ferma dopo la terribile notizia di questa mattina. Il giovane calciatore Emanuel Ortega è deceduto dopo essere stato per undici giorni in coma in ospedale. Lo scorso 3 maggio si è scontrato incidentalmente con un avversario. L’impatto gli ha fatto perdere l’equilibrio e, una volta caduto fuori dal rettangolo di gioco, ha battuto la testa contro il blocco di cemento che separa il campo dalle tribuna. “Ortega ha subito un grave trauma al cranio ed ha perso una quantità preoccupante di sangue”, questo il commento di Cristian Ferlauto, dirigente del San Martin de Burzaco – il club dove giocava il 21enne, in prestito dal Banfield – dopo l’incidente.

CAMPIONATI FERMI – Una tragedia che ha scaturito diverse polemiche in Argentina soprattutto a causa dell’architettura dello stadio che ha causato la morte di Ortega. La federazione calcistica argentina (AFA) ha sospeso tutte le gare dei campionati argentini, a qualsiasi livello. Questo il testo del comunicato: “Di fronte al dolore della famiglia del calcio per la morte di Emanuel Ortega, viene sospesa tutta l’attività programmata per questo fine settimana”.

 

Fonte: calciomercato.com

Tufano

I Am Naples Testata Giornalistica - aut. Tribunale di Napoli n. 33 del 30/03/2011 Editore: Francesco Cortese - Andrea Bozzo Direttore responsabile: Ciro Troise © 2021 IamNaples
Salvo accordi scritti, la collaborazione con questo blog è da considerarsi del tutto gratuita e non retribuita. In nessun caso si garantisce la restituzione dei materiali inviati. Del contenuto degli articoli e degli annunci pubblicitari sono legalmente responsabili i singoli autori. - Tutti i diritti riservati Vietata la riproduzione parziale o totale dei contenuti di questo portale Tutti i contenuti di IamNaples possono essere utilizzati a patto di citare sempre IamNaples.it come fonte ed inserire un link o un collegamento visibile a www.iamnaples.it oppure al link dell'articolo.