BpMed Napoli: Che spettacolo al PalaBarbuto! Omegna cade all’ultimo respiro

Che spettacolo! La BpMed Napoli si aggiudica solo nel finale, dopo essere sempre stata in controllo della partita, lo spettacolare scontro contro la capolista Paffoni Omegna per 77-74. Serviva solo la miglior Napoli per piegare una corazzata come Omegna, ed è arrivata. Una difesa assassina per tutti e quaranta minuti e il talento di Musso in attacco sono state le fondamenta di un successo consacrato solo nei minuti finali da un monumentale Andrea Iannilli capace di segnare i due tiri liberi decisivi, dopo uno 0/4, e regalare la vittoria ai suoi.

Avvio in equilibrio tra le due squadre che si scaldano con i canestri di Musso da un lato e di Casadei e Masciadri dall’altro (5-5). Con il passare dei minuti la BpMed viene fuori e trova nelle triple di Gatti, Rizzitiello e Lenardon le prime ragioni per il primo strappano che fissano il punteggio sul 18-12 al ‘6. Casadei smuove il punteggio dei suoi ma il canestro di Rotondo e la tripla del solito Musso portano gli azzurri sul +9 in chiusura di quarto (25-16). Nella seconda frazione di gioco i piemontesi mostrano tutta la loro qualità e tornano prepotentemente in partita con i gli otto punti, più un assist, di Masciadri che riduce il distacco tra le due squadre solo a tre lunghezze al ’13. Bartocci si sbraccia e i gli azzurri, spinti da un clamoroso pubblico, rimandano con gli interessi il parziale al mittente. Il parziale, aperto da Lenardon e chiuso dalla tripla del solito Musso, manda in orbita la BpMed che, per la prima volta, tocca la doppia cifra di vantaggio. Al ’15 il punteggio è 36-26. Omegna prova a rispondere ma il mini-break di Rizzitiello manda le squadre all’intervallo sul 43-31.

Al ritorno in campo è il capitano Simone Gatti apre le marcature prima che lui e tutta la banda Bartocci venga travolta dalle triple di Masciardi, Picazio, Casadei e Bertolacci. Napoli è stordita e al ’22 il punteggio è nuovamente in discussione, 45-42. Rizzitiello e Musso smuovono le acque e un nuovo parziale di 7-0 ripristina il vantaggio in doppia cifra (52-42) quando ci troviamo la minuto 27, il tutto grazie all’appoggio indescrivibile di un Iannilli devastante in difesa e incontenibile a rimbalzi. Prelazzi va a segno ma la tripla di Sabbatino mette l’accento sull’ennesimo vantaggio Napoli in chiusura di quarto (55-44). Il quarto periodo è da infarto. A suon di canestri Omegna torna sotto di cinque punti dopo due minuti di gioco ma la BpMed è lesta a tenere lontana la compagine di coach di Di Lorenzo con i canestri di Lenardon e Sabbatino. Iannilli illude alla vittoria con il canestro che al ’36 manda Napoli in vantaggio ancora di 10 punti ma Omegna non molla. Casedei infila dodici punti di fila e regala, a un minuto e mezzo dalla fine, il primo vantaggio Omegna sul 73-74 mentre la BpMed tra perse e liberi sbagliati di Iannilli è in tilt. Lo svantaggio sprona gli azzurri che trovano la conclusione veloce di Musso da due punti, che vale il controsorpasso, mentre Picazio fallisce la tripla della staffa. Il rimbalzo sarebbe di Omegna ma la freccia del possesso alternato premia Napoli che trova la vittoria con due clamorosi tiri liberi di Iannilli, che era reduce da quattro errori di fila.

Una vittoria pazzesca contro un avversario pazzesco. Era da tanto che al PalaBarbuto non si assisteva ad una partita così bella e così combattuta, e dinanzi ad un pubblico così numeroso (oltre duemila le presenze) e ciò avvalora ancora di più l’impresa degli uomini targati BpMed. E’ vero, il calendario è stato nettamente a favore degli azzurri, avendo avuto la fortuna di affrontare Torino e Omegna tra le mura amiche, ma è altrettanto vero che la fortuna aiuta gli audaci e Napoli sta mostrando di esserlo decisamente.

BpMed Napoli – Paffoni Omegna 77-74
Napoli: Sabbatino 7, Musso 20, Bastone ne, Gatti 11, Iannilli 10, Rotondo 6, Rizzitiello 14, D’Avino ne, Guastaferro, Lenardon 9. All. Bartocci.
Omegna: Bertolazzi 8, Picazio 5, Raspino 4, Casadei 22, Toure’ 3, Masciadri 20, Paci 4, Prelazzi 4, Scomparin ne, Saccaggi 4. All. Di Lorenzo.

Servizio a cura di Enrico De Pompeis

Sartoria Italiana
Vesux
Gestione Sinistri
Il gabbiano

I Am Naples Testata Giornalistica - aut. Tribunale di Napoli n. 33 del 30/03/2011 Editore: Francesco Cortese - Andrea Bozzo Direttore responsabile: Ciro Troise © 2021 IamNaples
Salvo accordi scritti, la collaborazione con questo blog è da considerarsi del tutto gratuita e non retribuita. In nessun caso si garantisce la restituzione dei materiali inviati. Del contenuto degli articoli e degli annunci pubblicitari sono legalmente responsabili i singoli autori. - Tutti i diritti riservati Vietata la riproduzione parziale o totale dei contenuti di questo portale Tutti i contenuti di IamNaples possono essere utilizzati a patto di citare sempre IamNaples.it come fonte ed inserire un link o un collegamento visibile a www.iamnaples.it oppure al link dell'articolo.