Il Napoli Basket riparte dalla Legadue e dall’ex Rocca

Nel mirino anche Casini il patron Balbi presenta il piano oggi in Comune

Ora arriva anche l’annuncio ufficiale. Il Napoli Basket 2013 ha formalizzato l’accordo con la Biancoblù Bologna per la cessione del titolo sportivo di Legadue Gold. Il club felsineo nato dalle ceneri della vecchia, gloriosa Fortitudo, ripartirà dalle serie minori cercando di rispolverare il vecchio blasone e forse riprendendo anche il feeling interrotto con il pubblico della Fossa.
Napoli invece torna nel basket che conta a distanza dei sei mesi dal crac del club di Minopoli che l’aveva tolto di scena in un momento magico, quando viaggiava a mille e sembrava aver trovato una chimica di squadra da playoff, se non di più. Quel campionato interrotto bruscamente resta l’ennesimo cruccio della pallacanestro napoletana, che di stop per motivi economici ne ha collezionati decisamente troppi.
Si riparte dunque da un campionato importante come la Legadue Gold e i dettagli dell’operazione appena sancita verranno illustrati oggi alle 16 con l’assessore allo Sport del Comune, Pina Tommasielli. Un particolare non da poco, che sottolinea anche l’accordo con l’amministrazione comunale per la questione del Palabarbuto. Impianto che il club vorrebbe poter utilizzare con una certa autonomia tenendo conto dei 60mila euro che andranno spesi dal Napoli Basket 2013 di Balbi e Boldoni per renderlo di nuovo agibile per la serie A. Un intervento che toccherebbe al Comune, che però ha le casse vuote. Il Napoli Basket in questo caso farebbe una “donazione” all’amministrazione, con in cambio almeno una certa autonomia gestionale.
«Non avevo alcun timore che la situazione potesse degenerare ma in ogni caso avevamo pronte altre alternative, visto che di squadre che potrebbero chiudere bottega ce ne sono un bel po’. Il presidente Romagnoli ha risolto tutte le pendenze con i giocatori e dunque abbiamo formalizzato l’accordo. In conferenza stampa spiegheremo nei minimi dettagli il nostro progetto e presenteremo l’organigramma dirigenziale che è comunque già definito», spiega Maurizio Balbi.
Il coach sarà Cavina mentre per la squadra ci sono alcuni giocatori nel mirino con contratti però ancora in essere. La rosa comunque sarà in linea con il progetto, senza svenarsi ma per ben figurare. Oltre Mason Rocca, che però deve prima risolvere le pendenze economiche con la Virtus Bologna di Sabatini, è molto probabile il ritorno di Marco Ceron, un under che gioca da veterano, ed è possibile anche quello di Marcos Casini, rimasto legatissimo al progetto-Napoli e ai suoi dirigenti. Più difficile riportare qui Marco Allegretti, che aveva fatto il fenomeno in maglia azzurra, ma che ha un biennale a Ferentino.

Fonte: Il Mattino

La Redazione

P.S.


Tufano
Vesux
Pizzalo Pozzuoli

I Am Naples Testata Giornalistica - aut. Tribunale di Napoli n. 33 del 30/03/2011 Editore: Francesco Cortese - Andrea Bozzo Direttore responsabile: Ciro Troise © 2018 IamNaples Salvo accordi scritti, la collaborazione con questo blog è da considerarsi del tutto gratuita e non retribuita. In nessun caso si garantisce la restituzione dei materiali inviati. Del contenuto degli articoli e degli annunci pubblicitari sono legalmente responsabili i singoli autori. - Tutti i diritti riservati Vietata la riproduzione parziale o totale dei contenuti di questo portale Tutti i contenuti di IamNaples possono essere utilizzati a patto di citare sempre IamNaples.it come fonte ed inserire un link o un collegamento visibile a www.iamnaples.it oppure al link dell'articolo.