Napoli-Sant’Antimo, la trattativa continua. Futuro ancora incerto, ma ‘Napoli ha sete di basket’

Il silenzio dell'una e dell'altra parte mette in ansia i tifosi.

La Napoli dei canestri non dorme. Discute, si confronta, cerca di trovare una soluzione positiva. Ma dai summit Sant’Antimo-Napoli Basketball non trapela alcuna novità. O quasi. L’operazione fusione non è semplice, ma nemmeno impossibile. Il club di Calise, dopo la rinuncia al ripescaggio, sta cercando di trovare un accordo con Aniello Cesaro. I presupposti per un’unione ci sono tutti: Napoli ha difficoltà economiche che non possono essere superate solo con l’apporto degli sponsor, mentre il patron di Sant’Antimo potrebbe trarre giovamento dalla fusione per quanto riguarda il riscontro di pubblico, trovando così nuovi stimoli. D’altra parte, anche negli anni passati Cesaro aveva manifestato la volontà di trasferirsi a Napoli, ma questa ipotesi non trovò molti consensi a suo tempo. Ora, però, sembrerebbe l’unica speranza per evitare l’ennesima definitiva scomparsa della palla a spicchi napoletana.

Nelle ultime ore sono spuntate anche alcune ipotesi inerenti staff tecnico e dirigenziale: si parla di Bartocci in panchina (Sant’Antimo non ha rinnovato con Di Carlo e ha lasciato ‘sospesa’ la trattativa con Ciccio Ponticiello) e di Liguori come General Manager. Per il momento solo parole, perchè di concreto c’è poco o nulla. Il chiodo fisso, l’intento di questa operazione, però, è quello di mantenere Cesaro alla presidenza del club, con il trasferimento dal PalaPuca al PalaBarbuto della squadra e, eventualmente, con il cambio di denominazione sociale. Sulle maglie, infatti, dovrebbe esserci il nome di Napoli.

Se l’operazione fusione andasse in porto, tra l’altro, ci sarebbe da capire il futuro del Napoli Basketball SSDARL che, avendo usufruito della wild card la scorsa estate, non può vendere il proprio titolo (nè acquistarne un altro).

Insomma, il futuro è ancora incerto. Quel che è certo, però, è che ‘Napoli ha sete di basket’, proprio come recitava un cartello che poco più di un anno fa campeggiava per le vie principali del capoluogo campano.

Stefano D’Angelo

Tufano
Vesux
Pizzalo Pozzuoli

I Am Naples Testata Giornalistica - aut. Tribunale di Napoli n. 33 del 30/03/2011 Editore: Francesco Cortese - Andrea Bozzo Direttore responsabile: Ciro Troise © 2018 IamNaples Salvo accordi scritti, la collaborazione con questo blog è da considerarsi del tutto gratuita e non retribuita. In nessun caso si garantisce la restituzione dei materiali inviati. Del contenuto degli articoli e degli annunci pubblicitari sono legalmente responsabili i singoli autori. - Tutti i diritti riservati Vietata la riproduzione parziale o totale dei contenuti di questo portale Tutti i contenuti di IamNaples possono essere utilizzati a patto di citare sempre IamNaples.it come fonte ed inserire un link o un collegamento visibile a www.iamnaples.it oppure al link dell'articolo.