Ha spesso tolto il posto a Di Maria e Ozil. Ecco chi è José Maria Callejón

Il pupillo di Mourinho. Lo Special One lo ha lanciato nel Real Madrid: «E’ un esempio per tutti»

Al San Paolo c’è già stato, poco meno di quattro anni fa. In una notte di piena estate, il 5 agosto del 2009, José Maria Callejón Bueno giocava con l’Espanyol e partecipò a un’amichevole precampionato con il Napoli allora allenato da Donadoni. Quella sera in campo incrociò alcuni di quelli che fra pochi giorni potrebbero diventare i suoi nuovi compagni di squadra (De Sanctis, Cannavaro, Maggio e Hamsik) e probabilmente si rese conto della grande passione della tifoseria partenopea (per quella sfida, che finì 0-0 e senza particolari emozioni, c’erano 45mila spettatori a Fuorigrotta).

LANCIATO DALLO SPECIAL ONE –  Da quel giorno, però, la vita dell’attaccante spagnolo è cambiata. Soprattutto grazie a un allenatore, quello che due anni fa lo ha voluto con sé al Real: Josè Mourinho. « Mi piaceva come giocava nell’Espanyol, mi piaceva la sua duttilità in campo. A Madrid poi ho conosciuto un ragazzo con una personalità forte, un giocatore umile che ha saputo ritagliarsi il suo spazio, il rispetto della gente e dei compagni di squadra. Sa rendere prezioso ogni minuto in cui è in campo: per molti giocatori entrare per 10 minuti è un problema, per lui no. Quando viene chiamato in causa è sempre al top. Mi piace molto la sua mentalità, è un esempio per tutti »: così lo racconta lo Special One, che convinse il club merengues a riprenderlo dalla seconda squadra di Barcellona pagando 5 milioni di euro nel 2011.

DUTTILITA’ E GOL –  Con Mourinho in due anni al Real Madrid ha dato il meglio di sé, diventando il miglior dodicesimo uomo della Liga e conquistandosi spesso anche il posto da titolare. A farne le spese sono stati a turno Di Maria, Ozil e Kakà: Callejon ha aiutato tanto Mourinho non solo dal punto di vista realizzativo (20 gol in 78 partite fra Liga e coppe), ma anche come assist-man. Ed è stato prezioso anche dal punto di vista tattico: impiegato preferibilmente come esterno alto a sinistra, in qualche occasione è stato utilizzato dallo Special One anche come quarto basso in difesa o addirittura nella zona centrale del campo. I risultati? Sempre positivi, perché “Calleti” o “Chulo”, come lo chiamano gli amici, si è fatto sempre trovare pronto. Famose le sue esultanze con Mou, a turno uno sulle spalle dell’altro. E, con commozione, Callejon ha salutato il tecnico portoghese passato al Chelsea: « Due anni indimenticabili insieme, è stato un piacere, ti auguro ogni bene. Grazie mister ».

FAMIGLIA E AMORE –  La sua maturità, in campo e fuori, arriva da lontano, da Motril, cittadina andalusa di quasi 60mila abitanti. Lì è nato (l’11 febbraio 1987, tre giorni prima di Cavani) e cresciuto Callejon, che è fiero delle sue origini. Il padre e la madre avevano una frutteria al mercato: « Sono molto orgoglioso di loro, mi hanno sempre aiutato  – ha raccontato – i valori di una persona non dipendono dal lavoro che fa ». Ha un fratello gemello, Juanmi, anche lui giocatore (centrocampista dell’Hercules) e una sorella, Vanesa, che considera « una seconda madre ». Ma la donna più importante della sua vita è la sua fidanzata, Marta Ponsati Romero: « E’ una persona speciale che mi ha dato serenità e mi ha regalato tanta gioia. Mi ha insegnato ad essere rispettoso e gentile, a guardare tutto in modo positivo e diverso ». Fuori dal campo ha un carattere molto allegro e vivace (« Noi andalusi siamo sempre i più esuberanti »), ma è molto romantico e appassionato di flamenco. Presto potrà cimentarsi anche con la tarantella.
Fonte: Corriere dello Sport

La Redazione
L.D.M.

Tufano

I Am Naples Testata Giornalistica - aut. Tribunale di Napoli n. 33 del 30/03/2011 Editore: Francesco Cortese - Andrea Bozzo Direttore responsabile: Ciro Troise © 2021 IamNaples
Salvo accordi scritti, la collaborazione con questo blog è da considerarsi del tutto gratuita e non retribuita. In nessun caso si garantisce la restituzione dei materiali inviati. Del contenuto degli articoli e degli annunci pubblicitari sono legalmente responsabili i singoli autori. - Tutti i diritti riservati Vietata la riproduzione parziale o totale dei contenuti di questo portale Tutti i contenuti di IamNaples possono essere utilizzati a patto di citare sempre IamNaples.it come fonte ed inserire un link o un collegamento visibile a www.iamnaples.it oppure al link dell'articolo.