Icardi è un’ossessione per Mazzarri e Bigon. Si lavora anche per Diakitè

Su Diakitè è un duello tra l'Inter e il club azzurro

Ops, di nuovo: gente che (seriamente) va e gente che (virtualmente) viene. E’ il mercato, ladies e gentlemen, e il suono della sirena ha solo imposto di frenare un po’, prima di ripartire a luci spente, nel silenzio ovattato dell’ufficiosità, tra le voci che si rincorrono, le smentite che (strategicamente) fioccano e le verità che cominciano ad emergere. Hugo Campagnaro è praticamente un difensore dell’Inter e in questo universo che ha regole precise e scadenze annunciate, non c’è da scandalizzarsi: «questioni di tempistica e l’accordo è sfumato» ha sussurrato Alejandro Junior Mazzoni a Kiss Kiss, tanto per ribadire quello che era già noto (almeno) dall’8 dicembre scorso, quando si intuì della promessa fatta all’Inter e di un’intesa larghissima sul contratto.

DUE COLPI – Del domani non v’è certezza, ma il Napoli qualcuna ne ha: sa, per ammissione degli interessati, d’essere un pezzettino avanti su Mauro Icardi (20), l’enfat terrible della Sampdoria, sfumato per un niente proprio mentre si stavano chiudendo le porte degli uffici della Lega Calcio. Icardi è molto più di una tentazione di De Laurentiis, è un’ossessione (tecnica), sostenuta dalle tesi di Mazzarri e di Bigon: si procede nel dialogo, con il vuoto alle spalle.La concorrenza, invece, c’è e si sente in altre direzioni: tutte le strade portano a Roma, a Formello per la precisione, e sul tragitto intrapreso per accedere a Mobido Diakitè (26), in scadenza con Lazio, s’è notato un po’ di folla. L’Inter, innanzitutto: ma l’ottimismo è una caratteristica squisitamente partenopea e le chiacchierate di dieci giorni fa non hanno partorito un’incompiuta, ma un appuntamento più in là. Quando sarà possibile avere le idee più chiare, quando sarà più semplice trovare un tavolo e qualche sedia per accomodarsi: per ora, c’è un calendario che ingolfa le vie del mercato, che restano però infinite.
Fonte: Corriere dello Sport
La Redazione
A.S.
Tufano

I Am Naples Testata Giornalistica - aut. Tribunale di Napoli n. 33 del 30/03/2011 Editore: Francesco Cortese - Andrea Bozzo Direttore responsabile: Ciro Troise © 2021 IamNaples
Salvo accordi scritti, la collaborazione con questo blog è da considerarsi del tutto gratuita e non retribuita. In nessun caso si garantisce la restituzione dei materiali inviati. Del contenuto degli articoli e degli annunci pubblicitari sono legalmente responsabili i singoli autori. - Tutti i diritti riservati Vietata la riproduzione parziale o totale dei contenuti di questo portale Tutti i contenuti di IamNaples possono essere utilizzati a patto di citare sempre IamNaples.it come fonte ed inserire un link o un collegamento visibile a www.iamnaples.it oppure al link dell'articolo.