Julio Cesar tentenna. De Sanctis freme per andar via

Aspettando una telefonata che non arrivava. Così il Napoli e migliaia di tifosi hanno seguito gli sviluppi del trasferimento di Julio Cèsar dal Queens Park Rangers al club partenopeo. Una telefonata da Rio de Janeiro. Uno squillo. Macchè. Fino a tarda sera, nessun segnale. Eppure era tutto definito: l’accordo con la società dove il trentatreenne portiere aveva militato nella passata stagione; l’intesa con il procuratore. Il Napoli era arrivato a soddisfare la richiesta dell’estremo difensore titolare della nazionale verde oro: due milioni e duecentomila euro di ingaggio base, altri duecentoventiciquemila euro come buonuscita, il resto in bonus fino ad arrivare alla cifra finale di due milioni e settecentomila euro circa. Era così sicuro il club partenopeo che di pomeriggio aveva lasciato intuire che in serata ci sarebbe stato anche l’annuncio. Mancava veramente solo l’assenso del calciatore. Ed intanto tardava ad arrivare la telefonata. Mentre si andava insinuando sempre di più il sospetto di un’intromissione di qualche rivale alla ricerca di un portiere altrettanto esperto (la Roma?). Il sospetto di un’offerta diversa, più allettante, magari con la prospettiva di un trasferimento definitivo e la garanzia del rispetto di un contratto di durata triennale. Il prestito lo tranquillizzerebbe poco. Ed intanto Morgan De Sanctis, nel ritiro di Dimaro, aspettava anche lui, una comunicazione dalla società, il lasciapassare per abbandonare il Napoli e spostarsi di qualche centinaio di chilometri per raggiungere la sede della preparazione dei giallorossi. Il trolley già pronto, il cellulare tra le mani, la voglia di tagliare la corda e ritrovare nuovi entusiasmi. Ma anche il timore che alla fine qualcuno gli chieda di rispettare il contratto e di restare dov’è. Ipotesi remota, dal momento che sarebbe difficile ritrovare motivazioni ed entusiasmo. Ormai De Sanctis ha già la testa altrove.
Fonte: Corriere dello Sport

La Redazione
L.D.M.

Tufano
Simon tech

I Am Naples Testata Giornalistica - aut. Tribunale di Napoli n. 33 del 30/03/2011 Editore: Francesco Cortese - Andrea Bozzo Direttore responsabile: Ciro Troise © 2018 IamNaples Salvo accordi scritti, la collaborazione con questo blog è da considerarsi del tutto gratuita e non retribuita. In nessun caso si garantisce la restituzione dei materiali inviati. Del contenuto degli articoli e degli annunci pubblicitari sono legalmente responsabili i singoli autori. - Tutti i diritti riservati Vietata la riproduzione parziale o totale dei contenuti di questo portale Tutti i contenuti di IamNaples possono essere utilizzati a patto di citare sempre IamNaples.it come fonte ed inserire un link o un collegamento visibile a www.iamnaples.it oppure al link dell'articolo.