Messi chiama Higuain: il Barcellona vuole il pipita!

L’audace colpo che ha in mente il Barcellona rischia di rovinare l’estate del Napoli. Un colpo gobbo, scorretto: il Barcellona vuole ripartire da Gonzalo Higuain, anche perché lo vorrebbe proprio Leo Messi. Per Josep María Bartomeu, che da gennaio ha presoil posto di Sandro Rosell che si è dimesso per tutte le menzogne legate all’ingaggio di Neymar, rafforzare il Barça è una questione d’onore dopo il flop in Champions e in Liga. E così ormai con cadenza quotidiana arrivano aggiornamenti da Barcellona sull’ipotetica trattativa. Ieri il quotidiano Mundo Deportivo ha cominciato a parlare di cifre: i catalani sarebbe disposto a offrire 40 milioni al Napoli per il cartellino del Pipita. Il club spagnolo può del resto contare sul sontuoso contratto di cessione dei diritti televisivi (1,2 miliardi di euro per 10 anni) che gli consente investimenti munifici, con cui può dare l’assalto all’ultima grande stella del campionato italiano. Secondo molti, invece, la trattativa sarebbe solo fumo: Bartomeu vorrebbe Aguero (che il City considera al pari di Messi e Cristiano Ronaldo). Come presidente è piuttosto traballante, è in crisi di consensi per i pessimi risultati
ottenuti dalla squadra e ha bisogno di pubblicità per rinsaldarsi sulla sua poltrona. E il quotidiano Mundo Deportivo, da sempre vicino al club, magari gli dà una mano in questi giorni difficili.Higuain,peraltro, non è un nome a caso. Gonzalo è anche l’ex stella dei nemici di sempre del Real Madrid.Non sono tanti i campioni che si sono alternati tra i due club: tra questi LuisFigo, Ronaldo, Saviola Bernd Schuster, Robert Prosinecki, Georghe Haji e Michael Laudrup. Ma bisogna neanche trascurare la questione economica, che comunque rischia di avere il suo peso: Higuain al Napoli guadagna 5,5 milioni a stagione mentre il Barcellona potrebbe alzare l’ingaggio fino a 7 annui, grazie alla diversa fiscalità che c’è in Spagna: al Barcellona, per intenderci un ingaggio da 7 milioni costerebbe «solo» 10 milioni all’anno, in Italia 14. DeLaurentiis, com’è noto, non vuole neanche affrontare la questione: il problema non si pone perché il Napoli del produttore cinematografico non ha mai ceduto un suo giocatore per denaro. Lavezzi e Cavani sono andati via solo perché c’era una clausola rescissoria e Quagliarella è stato ceduto per sua scelta. Dunque, se assalto ci sarà, il Napoli prepara la trincea. C’è comunque un’altra campana da ascoltare,ed è lo stesso Higuain. Al momento, ed è un dato di fatto incontrovertibile, dopo la bella stagione in azzurro, sono in molti a seguirlo.L’argentino ha avuto rassicurazioni da Benitez che il Napoli che verrà sarà competitivo per lo scudetto.Non lo direbbe mai in modo ufficiale( anzi le sue dichiarazioni pubbliche sono sempre rassicuranti per il Napoli) ma lui stesso sogna un Napoli capace di recuperare il gap dalla Juventus e la Roma in Italia fin da questa estate. Intanto in queste ore Gonzalo Higuain pensa al suo mondiale. «Cosa scelgo fra classifica cannonieri al Mondiale e la Coppa? Firmerei per alzare il trofeo a fine competizione, per puntare alla vittoria finale dovremo essere tutti uniti», ha detto il Pipita che sogna di riscattare la delusione di quattro anni fa in Sudafrica quando a guidare dalla panchina la Seleccion c’è era Diego Maradona.

fonte: il mattino


Tufano
Vesux
Pizzalo Pozzuoli

I Am Naples Testata Giornalistica - aut. Tribunale di Napoli n. 33 del 30/03/2011 Editore: Francesco Cortese - Andrea Bozzo Direttore responsabile: Ciro Troise © 2018 IamNaples Salvo accordi scritti, la collaborazione con questo blog è da considerarsi del tutto gratuita e non retribuita. In nessun caso si garantisce la restituzione dei materiali inviati. Del contenuto degli articoli e degli annunci pubblicitari sono legalmente responsabili i singoli autori. - Tutti i diritti riservati Vietata la riproduzione parziale o totale dei contenuti di questo portale Tutti i contenuti di IamNaples possono essere utilizzati a patto di citare sempre IamNaples.it come fonte ed inserire un link o un collegamento visibile a www.iamnaples.it oppure al link dell'articolo.