Per il mercato azzurro il Brescia piace sempre molto

Terra fertile, quella: c’è passato il calcio, da Guardiola a Baggio, e hanno seminato bene. C’è cresciuto Hamsik, tanto per citarne uno a caso. E ora che la meglio gioventù sembra stia ancora lì, val la pena andare a vedere che raccolto n’è venuto fuori. Brescia è ora la terra di Omar El Kaddouri (22), centrocampista belga di origini marocchine, l’ennesima scoperta d’una società che ha occhi ovunque e che adesso divora con lo sguardo di Gino Corioni quel talento precoce finito sotto la lente di ingrandimento del Napoli: «A me ricorda Zidane». Lo Zinedine in sedicesimi è finito da un bel pezzo nella lista della spesa di Riccardo Bigon e quando ieri a Milano il diesse del Napoli è stato scoperto a chiacchierare con Stefano Lombardi c’è voluto quasi niente a connettersi. El Kaddouri piace, eccome se piace: l’ha seguito come un detective Maurizio Micheli, che ha abitato a Brescia fino a qualche mese fa, e le relazioni sul trequartista che sa fare anche il mediano abbondano. Brescia è poi anche la terra di Bartosz Salamon (21), un gigante biondo polacco cresciuto nel vivaio di Coccaglio, poi svezzato a Foggia da Zeman. L’onda verde che muove verso Castelvolturno è impetuosa: ci sono anche Insigne (21) e Capuano (21) da marcare stretti: un salto a Nocera Inferiore, domani, per il match tra Nocerina e Pescara, è obbligato. Per Candreva si discute ma è un menage a trois, perché c’è di mezzo anche l’Udinese proprietaria. Il mercato è altro ancora, è un ovviamente in uscita: Salvatore Aronica, che a giugno è svincolato, ha inviti da Atalanta, Siena e Palermo ma la voglia matta è di restare in azzurro. Aspetterà, finché potrà. Rinaudo è già a Novara, Santana virtualmente in viaggio verso Cesena. Terra fertile, il mercato…

 

Fonte: Corriere dello Sport

 

La Redazione

 

A.S.

Calcio Napoli e altre news

[themoneytizer id=19885-23]
[themoneytizer id=19885-19]


SCARICA ORA LA NOSTRA APP!

app iamnaples apple

app iamnaples google