Tianjin, Cannavaro: “Ho parlato con Mertens, volevo portarlo in Cina. Nulla in più di una chiacchierata”

"Quando stavo parlando con lui ha iniziato a segnare con grande frequenza al Napoli"

Fabio Cannavaro ha parlato all’Het Nieuswblad delle trattative che l’hanno visto coinvolgere i giocatori della nazionale belga. Uno di questi, Axel Witsel, è proprio finito alle sue dipendenze. Ma Cannavaro avrebbe voluto portare in Cina altri “diavoli rossi”: “Ho parlato con Dries Mertens. Sì, ho cercato di portarlo con me. Ma quando stavo parlando con lui ha iniziato a segnare con grande frequenza al Napoli. Per cui non si è andati oltre la chiacchierata”.

Altro profilo della Serie A che interessava era Radja Nainggolan: “Profilo interessante perché può avere il passaporto asiatico”. Ricordiamo che il campionato cinese ha un limite di 4 stranieri per squadra più un ulteriore giocatore non cinese, purché asiatico.

E’ stato invece proposto Marouane Fellaini: “Ma ho rifiutato perché avevo bisogno di un altro profilo”.

Chi piaceva e piace tutt’ora è Romelu Lukaku: “Ho parlato con lui, ma il problema è l’Everton che non vuole lasciarlo andare. Troppo giovane? Non è un problema, guardate Oscar. Il calcio è calcio in tutto il mondo e ogni giocatore vuole giocare in un club che vince”

Fonte: Tmw

Sartoria Italiana
Vesux

I Am Naples Testata Giornalistica - aut. Tribunale di Napoli n. 33 del 30/03/2011 Editore: Francesco Cortese - Andrea Bozzo Direttore responsabile: Ciro Troise © 2021 IamNaples
Salvo accordi scritti, la collaborazione con questo blog è da considerarsi del tutto gratuita e non retribuita. In nessun caso si garantisce la restituzione dei materiali inviati. Del contenuto degli articoli e degli annunci pubblicitari sono legalmente responsabili i singoli autori. - Tutti i diritti riservati Vietata la riproduzione parziale o totale dei contenuti di questo portale Tutti i contenuti di IamNaples possono essere utilizzati a patto di citare sempre IamNaples.it come fonte ed inserire un link o un collegamento visibile a www.iamnaples.it oppure al link dell'articolo.