RETROSCENA ESCLUSIVO – Quando Roberto Insigne fu vicino alla Reggina…

Da qualche settimana la famiglia Insigne si è vista puntare i riflettori su di sé. Da Lorenzo, il volto nuovo del Napoli che si accinge ad affrontare una nuova annata, fino ad arrivare a Roberto, attaccante classe ’94 dal piede mancino. Lorenzo aspetta solo la definitiva consacrazione in maglia azzurra dopo le straordinarie stagioni a Foggia e Pescara alla corte di Zeman, e dopo un precampionato da vera e propria star. Il presidente De Laurentiis, però, qualche tempo fa affermò che più del fratello maggiore, impressionava Roberto Insigne. Effettivamente il talento di questo azzurrino non finisce mai di stupire. Un talento riconosciuto anche da Evani, ct della Nazionale Under 19, che lo ha convocato nuovamente per l’amichevole contro la Slovenia, e da Saurini che si è detto sorpreso dai numeri di questo ragazzo, sul quale qualche tempo fa c’erano anche Milan ed Inter. Insomma, la classe e la qualità non manca sia per quanto riguarda Lorenzo, sia per quanto riguarda Roberto. Ma la storia di questi due ragazzi non è la stessa. Mentre Lorenzo approdò nel vivaio del Napoli grazie all’intuizione di Santoro, Roberto entrò a far parte delle fila del settore giovanile del Napoli per un motivo molto semplice. Innanzitutto, i primi a scovare il valore di Insigne furono i membri della Football Global Service, Fabio Andreotti ed Antonio Ottaiano. A suo tempo il ragazzo fu vicinissimo a trasferirsi alla Reggina dall’Olimpia Sant’Arpino, grazie all’intuizione del direttore sportivo amaranto Simone Giacchetta. Il giovanissimo Insigne, però, restio ad allontanarsi da casa, declinò l’offerta. Il Napoli, allora, che già aveva immagazzinato nei suoi archivi le qualità di Roberto tramite Lorenzo, riuscì ad assicurarsi le sue prestazioni sportive grazie anche ai buoni rapporti di Peppe Santoro con il presidente Orazio Vitale. Lorenzo fu bocciato da Torino ed Inter. Roberto fu vicino alla Reggina. Non c’è niente da fare: c’è l’azzurro nel destino della famiglia Insigne…

Ciro Troise

Tufano

I Am Naples Testata Giornalistica - aut. Tribunale di Napoli n. 33 del 30/03/2011 Editore: Francesco Cortese - Andrea Bozzo Direttore responsabile: Ciro Troise © 2021 IamNaples
Salvo accordi scritti, la collaborazione con questo blog è da considerarsi del tutto gratuita e non retribuita. In nessun caso si garantisce la restituzione dei materiali inviati. Del contenuto degli articoli e degli annunci pubblicitari sono legalmente responsabili i singoli autori. - Tutti i diritti riservati Vietata la riproduzione parziale o totale dei contenuti di questo portale Tutti i contenuti di IamNaples possono essere utilizzati a patto di citare sempre IamNaples.it come fonte ed inserire un link o un collegamento visibile a www.iamnaples.it oppure al link dell'articolo.