Alla scoperta del fenomeno Osimhen

 

L’attaccante del Napoli ai raggi x

Velocissimo, abile di testa e soprattutto dotato di ottima tecnica; in poche parole Victor James Osimhen! Il giovane attaccante nigeriano del Napoli classe 1998 per ora è questo ma può essere anche tanto altro. Cosa d’altro solo lui può saperlo (e volerlo), e dipenderà da quanta voglia avrà di crescere visto che il tempo oggi è tutto dalla sua parte. A soli 22 anni Osimhen ne ha e ne avrà di occasioni per esplodere definitivamente, magari proprio indossando la maglia degli Azzurri. Fin ora il talento ex Lille con il Napoli non ha ancora offerto prestazioni di altissimo livello perché non si è ancora integrato in un campionato non semplice come la Serie A e perché per lungo tempo è stato fermo ai box per infortunio. Due aspetti non trascurabili per un giocatore con cui ci vorrà molta pazienza per vederlo finalmente al top. Da subentrante ha comunque già fatto vedere che il pallone lo sa trattare eccome. L’assist di tacco offerto per il goal di Zieliński contro il Genoa ne è un esempio, come un esempio è il goal realizzato da Osimhen contro il Bologna grazie a una fantastica progressione in velocità. Se la velocità è l’arma segreta con cui potrà sfondare, non di meno potrà sfondare quando imparerà a giocare di sponda per i compagni. Essendo una punta centrale dal fisico possente non farebbe fatica a creare spazi per gli inserimenti dei compagni, un po’ come fa già Lukaku all’Inter per intendersi. Non si pretende certo che faccia lo stesso lavoro sporco del belga, ma se inizia a usare il fisico per difendere il pallone…Un passo alla volta per carità, perché gli anni di Osimhen sono pur sempre 22.

Una crescita esponenziale che può avere già inizio

Non fatevi ingannare dalla cresta color platino che ricorda vagamente quella dell’eccentrico Mario Balotelli, che ha fatto delle bravate in campo e fuori dal campo un suo marchio di fabbrica, perché Victor Osimhen oggi è tutt’altro che eccentrico. Ok lo sarà stato in passato come quando ad esempio ha organizzato una festa di compleanno che in questo periodo così difficile poteva anche risparmiarsi, ma ora il giovane nigeriano ha messo la testa a posto e sta dando il massimo per crescere sia come uomo sia come calciatore. E l’occasione sta già bussando alla sua porta e si chiama “qualificazione alla Champions League”. Sì perché se il Napoli vuole continuare a sperare nell’Europa che conta dovrà fare affidamento proprio sul nigeriano. Con un Mertens che non è più lo stesso dopo l’infortunio dello scorso anno, tocca a Osimhen trascinare la squadra verso l’Olimpo del calcio internazionale. La sua crescita esponenziale, insomma, può e deve avere già inizio visto che gli Azzurri sono attesi da sfide “da dentro o fuori” contro corazzate del calibro di Juventus, Inter e Lazio. In poche settimane il Napoli si gioca praticamente tutto, e con il Napoli anche il nigeriano che sta finalmente tornando in forma. E l’attacco azzurro può tirare un sospiro di sollievo.

Il feeling con Insigne? Work in progress!

Viste le diverse caratteristiche tecniche, Osimhen si sposerebbe benissimo con Insigne. Usiamo il condizionale perché finché il nigeriano non troverà un po’ di continuità siamo solo nel campo delle ipotesi. Lo “scugnizzo” di Napoli – va ricordato – è un attaccante che ama svariare mentre il prossimo fenomeno (si spera) di Napoli agisce per lo più centralmente. Non pestandosi i piedi, i due possono dialogare benissimo insieme perché quando Lorenzo ha la palla tra i piedi ama provare a imbeccare i compagni. E quale compagno migliore da imbeccare se non Osimhen? Palla al piede il nigeriano è devastante – soprattutto se si aprono praterie – e con un lancio alla Insigne di praterie se ne possono così aprire! Il feeling tra i due è ancora un “work in progress”, ma si spera che tra qualche settimana non sia più così. Giusto il tempo di affrontare la capolista Inter e una squadra che come il Napoli lotta per qualificarsi per la Champions League, ovverosia la Lazio.

 

Tufano

I Am Naples Testata Giornalistica - aut. Tribunale di Napoli n. 33 del 30/03/2011 Editore: Francesco Cortese - Andrea Bozzo Direttore responsabile: Ciro Troise © 2021 IamNaples
Salvo accordi scritti, la collaborazione con questo blog è da considerarsi del tutto gratuita e non retribuita. In nessun caso si garantisce la restituzione dei materiali inviati. Del contenuto degli articoli e degli annunci pubblicitari sono legalmente responsabili i singoli autori. - Tutti i diritti riservati Vietata la riproduzione parziale o totale dei contenuti di questo portale Tutti i contenuti di IamNaples possono essere utilizzati a patto di citare sempre IamNaples.it come fonte ed inserire un link o un collegamento visibile a www.iamnaples.it oppure al link dell'articolo.