Ferrario compie 61 anni: protagonista dello scudetto ‘86-’87

 

Moreno Ferrario, l’ex stopper d’acciaio del Napoli di Maradona, compie oggi 61 anni. Ancora legatissimo alla città e ai colori partenopei, fu uno dei protagonisti assoluti del primo storico scudetto e autore del goal del 3-1 alla Juventus.

 

Ferrario e il San Paolo: un legame indissolubile

Il celebre poeta tedesco John Wolfgang Von Goethe, in seguito a un lungo soggiorno a Napoli iniziato nel 1787, coniò la famosa citazione “vedi Napoli e poi muori”: estasiato dalla bellezza e dal clima di cultura e vivacità che si respirava nel capoluogo campano. Volle così comunicare a tutto il mondo il fascino di questa città; tanti gli artisti e i personaggi illustri che si sono innamorati del golfo, della vista della baia e dei castelli disseminati nella città conosciuta anche come Partenope e questo fascino non ha lasciato indifferenti neanche i tanti calciatori che hanno giocato per i colori azzurri. Fra questi nomi, c’è anche l’indimenticato Moreno Ferrario, originario del Nord Italia, ma che ha conosciuto le sue più grandi soddisfazioni professionali indossando la maglia del Napoli: ben 311 presenze in Serie A, impreziosite da otto goal e da uno scudetto, quello della stagione ‘86-’87, che regalò la prima gioia ai tifosi napoletani. Oggi compie 61 anni e l’amore che lo lega alla città è ancora saldo e forte, come testimonia una recente intervista del Corriere dello Sport. Quel Napoli era nettamente diverso da questo attuale: il club vive un periodo di rivoluzione tecnica, conseguenza di una stagione difficile che confermano anche appassionati e tifosi a cui piace scommettere online sul calcio con le quote Betfair, che vedono i partenopei con poche possibilità di qualificarsi alla Champions League del prossimo anno, lontanissimi dalle prime posizioni a cui aveva abituato il suo pubblico negli ultimi anni. Ma i ricordi non si cancellano e sono il “pane” per risvegliare entusiasmi sopiti dalle recenti delusioni: non ultimo l’addio abbastanza turbolento fra Ancelotti e De Laurentiis.

t;

Il goal del pareggio alla Juventus e il rapporto con Maradona

A detta di Ferrario, al di là del fascino di vivere in una città come Napoli, ciò che gli è rimasto nel cuore sono due cose in particolare: l’amore dei tifosi per questi colori e il suo goal alla Juventus, che sancì il momentaneo pareggio che permise poi agli azzurri di battere la Juventus a Torino per 1-3. Quel risultato pesò come un macigno nella marcia scudetto degli uomini di Bianchi, non soltanto per i due punti guadagnati sulla “vecchia signora”, ma anche e soprattutto per il morale che garantì a Maradona e compagni per poter gettare il cuore oltre l’ostacolo e portare a casa il primo scudetto in assoluto della storia del club. Ferrario era stopper “moderno” e nonostante il ruolo di difensore gli venne assegnato l’onere e l’onore di battere i calci di rigore in cui si distinse per una precisione chirurgica, sbagliando soltanto una volta dal dischetto. L’attuale collaboratore tecnico della squadra Primavera dello Spezia non ha mai fatto segreto del suo rapporto con Diego Armando Maradona, per il quale ha sempre speso parole d’elogio, affermando fosse un esempio da seguire per tutti i compagni e che lui stesso si sentiva capace di fare qualsiasi cosa quando c’era Diego in campo, perché era uno stimolo per tutta la squadra.

Napoli è stata decisiva nella carriera di Ferrario: la società e la città gli perdonarono, infatti,  lo sfortunato autogoal contro il Perugia nel 1981 che costò l’allontanamento dalle prime posizioni di classifica e quindi “regalò” la vittoria finale agli eterni rivali bianconeri della Juventus. Proprio il sostegno dei “suoi” tifosi in seguito a quell’episodio, convinsero definitivamente lo stopper di Lainate a prolungare la sua permanenza ai piedi del Vesuvio per altre sei stagioni e il riscatto arrivò prontamente il 10 maggio del 1987, con una giornata d’anticipo, quando la città intera esplose per festeggiare il suo primo storico scudetto. Buona parte di quella vittoria fu ed è anche di Moreno Ferrario e più di qualcuno, fra i vicoli della città, avrà rivolto un pensiero gentile allo


Gestione Sinistri Caterino
Wincatchers

I Am Naples Testata Giornalistica - aut. Tribunale di Napoli n. 33 del 30/03/2011 Editore: Francesco Cortese - Andrea Bozzo Direttore responsabile: Ciro Troise © 2018 IamNaples Salvo accordi scritti, la collaborazione con questo blog è da considerarsi del tutto gratuita e non retribuita. In nessun caso si garantisce la restituzione dei materiali inviati. Del contenuto degli articoli e degli annunci pubblicitari sono legalmente responsabili i singoli autori. - Tutti i diritti riservati Vietata la riproduzione parziale o totale dei contenuti di questo portale Tutti i contenuti di IamNaples possono essere utilizzati a patto di citare sempre IamNaples.it come fonte ed inserire un link o un collegamento visibile a www.iamnaples.it oppure al link dell'articolo.