Je sto vicino a te: flash mob e concerto per i 60 anni di Pino Daniele

Je sto vicino a te: flash mob e concerto per i 60 anni di Pino Daniele

Il flash mob e il concerto saranno l’inizio di una lunga serie di iniziative per Pino

Giovedi 19 Marzo

Martedi 10 Marzo. Conferenza Stampa “Je sto vicino a te”.Ad aprire la conferenza stampa nella Sala Giunta di Palazzo San Giacomo è stato il giornalista e critico musicale Federico Vacalebre. Il giornalista amico di Pino Daniele è stato fortemente voluto da Nello Daniele, Fabiola Sciarabassi e dal Comune di Napoli come coordinatore delle attività del 19 Marzo. Crede che questa iniziativa possa crescere e allargarsi nel tempo. Immagina un “Pino Daniele a porte aperte” dove chiunque possa partecipare portando le sue idee.Il flash mob sarà ancor una volta  per il popolo l’occasione per stare vicino a Pino. Invita tutti a partecipare con le proprie chitarre e con la propria voce per cantare Je sto vicino a te.

La serata proseguirà con un concerto  al Teatro Mediterraneo che vedrà come protagonisti non solo cantanti e musicisti, ma anche scrittori. Il primo a rendere omaggio sarà Enzo Avitabile. Oltre Avitabile ci sarà Francesco Baccini che ha scritto una canzone per Pino, Eugenio Bennato, Tony Cercola,Nello Daniele, Teresa De Sio, Gianni Guarracino. Abbiamo chiesto a Peppe Lanzetta e Maurizio de Giovanni parole per Pino e poi la band composta da Carlo Avitabile, Mariano Barba, Paolo Biancocini, Gianluigi Di Fenza, Dj Funaro, Lino Pariota, Vittorio Remino. Ci sono poi artisti che arriveranno in corsa.  Raiz, si è  scusato per l’assenza a causa di impegni già presi altrove. 

Peppe Lanzetta leggerà un testo che dichiara di aver scritto dopo una serata trascorsa alla Cantina del Gallo nel Rione Sanità con la compagnia del Nero a Metà. Ha messo su carta  tutte le emozioni che ha provato quella sera seduto a tavola nel locale. Tirava aria di festa, ma mancava il festeggiato. Dopo aver scritto il pezzo, ha chiamato James Senese e gliel’ha letto. Ha deciso di chiamare James perchè è stato proprio lui a fargli il grande regalo più grande facendolo rincontrare con Pino, suo compagno di scuola, dopo tanti anni.

Quando tocca a suo fratello  Nello, si nota subito che è emozionato. “Pino è riuscito ad unire il popolo partenopeo. I protagonisti dei suoi concerti erano due: Pino e il suo pubblico”-sostiene. Il suo obiettivo è quello di ricordare Pino nella maniera più semplice assoluta insieme alle persone che gli hanno voluto bene. Pino sarà ricordato per sempre e il patrimonio musicale che ci ha lasciato è enorme. Le sue canzoni potranno essere cantate per altri cento anni perchè nessuno le dimenticherà mai.

A chiudere la conferenza è il Sindaco di Napoli, Luigi de Magistriis, che consegnerà alla famiglia Daniele gli undici libri firmati dai napoletani che sono andati  al Maschio Angioino per omaggiare le ceneri del mascalzone latino . Inoltre al piccolo Francesco sarà consegnata una targa. La città che lui rappresenta ha reagito con grande dolore e partecipazione alla scomparsa di Pino Daniele. Impensabile è stata l’organizzazione del funerale in sette giorni che nemmeno in sette mesi si sarebbe potuto organizzare senza la partecipazione cosi forte. La commissione toponomastica del Comune ha individuato la piazza e la scelta dell’amministrazione sarà resa nota in occasione delle celebrazioni del 19 marzo, ma è certo che sarà una piazza nel centro storico vicino ai luoghi in cui ha vissuto Pino.

Valeria Bottoni

 

Calcio Napoli e altre news

[themoneytizer id=19885-23]
[themoneytizer id=19885-19]


SCARICA ORA LA NOSTRA APP!

app iamnaples apple

app iamnaples google