Presentazione #FaiCentro: il 1° vespasiano artistico d’Italia a Napoli

Presentazione #FaiCentro: il 1° vespasiano artistico d’Italia a Napoli

Sabato 9 maggio, alle 21.00 nella Basilica di San Giovanni Maggiore Pignatelli
nell’ambito di “Ballads” di Francesco di Bella & Fofò Bruno

Realizzare il primo vespasiano artistico d’Italia, questa l’idea lanciata dal Kestè, storico locale e luogo di incontro giovanile di Largo San Giovanni Maggiore Pignatelli e da Artèteka, l’associazione nata al Kestè con la finalità sociale di riqualificare le aree degradate del Centro Antico di Napoli.

Saranno proprio tutti, senza limitazioni di “curriculum”, a poter disegnare l’orinatoio funzionale, resistente e artistico, aderendo al Bando di #Faicentro che sarà spiegato in dettaglio insieme al progetto nella Conferenza Stampa, venerdì 8 maggio, alle 12.30 nel Kestè, in Largo San Giovanni Maggiore Pignatelli, alla presenza di Nino Daniele, assessore alla Cultura del Comune di Napoli e Fabrizio Caliendo, fondatore del Kestè e presidente di Arteteka.

Bando e progetto saranno presentati ai cittadini napoletani sabato 9 maggio alle 21.00 nella Basilica di San Giovanni Maggiore Pignatelli, in Largo San Giovanni Maggiore Pignatelli, nell’ambito del suggestivo spettacolo “Ballads” di Francesco di Bella & Fofò Bruno, il cui ricavato andrà a sostegno di #Faicentro.
Il bando sarà scaricabile dal sito www.faicentro.org dal 9 maggio.

Il messaggio di #Faicentro è chiaro: “L’arte salverà Napoli: lasciate un segno di civiltà facendo “centro” nel vespasiano “. Questo lo scopo del concorso di idee, finalizzato a realizzare un vespasiano artistico da posizionare nei vicoli che storicamente diventano degli orinatoi, partirà il 9 maggio e si chiuderà il 30 giugno. La finalità del progetto si evince anche dal logo di #Faicentro: un omino in un mirino, come dire un “osservato speciale” che fa pipì in un punto interrogativo rovesciato, il futuro vespasiano artistico che per ora è una incognita, ma che rappresenta già ciò che accadrà domani. Una volta selezionato il progetto vincitore, che riceverà un premio di 500 euro, si partirà con il crowdfunding per realizzare il vespasiano n° 1 che sarà installato a settembre 2015 in vico San Giovanni Maggiore Pignatelli, oggi tristemente noto come “vico piscio”. Una volta realizzato il vespasiano n. 1, si pensa di riproporre l’idea installandolo in tutti i luoghi di cultura di grande affluenza della città, convinti che gli orinatoi pubblici, presenti nelle metropoli europee, siano un segno di civiltà e uno strumento per rendere la città più pulita e accogliente.
Il Comune di Napoli e la Seconda Municipalità hanno dato il patrocinio al progetto e si sono offerti quali co-produttori dell’idea, condividendone la validità. A sostegno dell’iniziativa l’Ordine degli Ingegneri ha concesso la Basilica di San Giovanni Maggiore e l’Istituto Universitario l’Orientale ha espresso grandi apprezzamenti per l’idea l’originale. L’associazione Riscatto Urbano ha contribuito alla stesura del bando ed ha sostenuto il progetto.
Francesco Di Bella (Ex 24 Grana) e Alfonso “Fofo'” Bruno (Songs For Ulan) sabato 9 maggio alle 21.00 si esibiranno nell’incredibile scenario della Basilica di San Giovanni Maggiore Pignatelli nello spettacolo “Ballads”( costo: 5 euro con una consumazione) proprio per sostenere il progetto attraverso l’incasso del concerto. “Tenere sistemata e pulita una piazza storica del Centro Antico- spiega Francesco di Bella- è una prova impegnativa e mi fa piacere sostenerla in quanto amante del centro storico di Napoli, che anche il luogo dove nasce la mia musica. Il concerto nella basilica sarà meraviglioso, è un posto dal fascino incredibile, ideale per Ballads. Non vedo l’ora che arrivi sabato”.
In Ballads centrale è la funzione del songwriting: composizioni dei 24 Grana e brani del rock underground americano e inglese (come Elliott Smith, Jason Molina, Alex Chilton) vengono proposte nel loro arrangiamento più primitivo con chitarra e voce, come in un piccolo salotto, un po’ come si fa a casa propria tra amici, col fascino del buio e i dischi in vinile.

Il Kestè, che in napoletano significa letteralmente “questo è”, è un locale, spazio di incontro, di mostre d’arte e di concerti, creato nel 1997 dal giovane imprenditore Fabrizio Caliendo. Dall’impegno sociale del Kestè è nata Artèteka, associazione che come suo scopo principale ha la rivalutazione del Largo San Giovanni Maggiore Pignatelli e degli spazi abbandonati del Centro Antico. In tanti anni di interventi si sono ottenuti molti risultati: la piazza non è più un parcheggio, dal 2004 i giardini sono stati adottati e curati. Si è poi cominciato ad intervenire su Banchi Nuovi, la piazza vicina, e su quello che oggi, grazie proprio ad Artèteka è conosciuto come il “Decumano del Mare”. Le stesse istituzioni hanno riconosciuto l’importanza e il valore civico di queste iniziative concedendo l’affidamento di Largo San Giovanni Maggiore al Kestè e ad Artèteka grazie al primo protocollo di intesa cittadino del genere firmato nel 2009.

A luglio 2014 Caliendo ha lanciato “Kestè Gàllerija: Allerija, partecipazione e cultura come strumenti di trasformazione del territorio” finalizzato a trasformare in Galleria d’Arte il vico San Giovanni Maggiore Pignatelli, adiacente l’Università Orientale, storicamente utilizzato come wc a cielo aperto. All’iniziativa di sensibilizzazione dell’opinione pubblica hanno aderito numerosi artisti della città che hanno dipinto murales e realizzato installazioni. “In una città artistica si è pensato di realizzare qualcosa di bello e di funzionale- racconta Fabrizio Caliendo -, ma il progetto Kestè Gallerija è fallito, in quanto la necessità di un wc si è rivelata “più forte” della creazione di una galleria d’arte. Abbiamo pensato quindi che posizionando un vespasiano artistico in quello stesso luogo si potrebbe risolvere il problema e il progetto di Galleria potrebbe ridiventare una realtà, includendo in essa il vespasiano napoletano, che potrà essere poi replicato diventando motivo di vanto per la città di Napoli!”.

Info: www.faicentro.org


Giornalista pubblicista e operatore sociale.Laureato in sociologia è uno degli Speaker di Radio Siani: autore e conduttore de "Gli Incorreggibili" programma di informazione e intrattenimento in onda il venerdi dalle 19 alle 20 su www.radiosiani.com. Addetto Stampa dell'associazione culturale Karma- Arte Cultura Teatro. Ama il lato "Sociale" della vita e la Cultura.

Wincatchers
Tufano
Vesux


SCARICA ORA LA NOSTRA APP!

app iamnaples apple

app iamnaples google