Teresa canta Pino: il tour devozionale della cantautrice arriva a Napoli

Teresa canta Pino: il tour devozionale della cantautrice arriva a Napoli

Una vera e propria immersione nel mondo di Pino Daniele

16 Febbraio al Teatro Politeama

 

Non poteva che concludersi nella città dove tutto ha avuto inizio, la città degli eterni ritornanti di Teresa De Sio e dei mille colori di Pino Daniele, quello che è stato un omaggio intenso e appassionato, in chiave folk d’autore, a uno dei più grandi cantastorie del nostro tempo: “Teresa canta Pino”, il tour devozionale della cantautrice partenopea all’amico scomparso arriva a Napoli – il 16 Febbraio al Teatro Politeama –, dopo aver emozionato il pubblico di oltre quaranta tra i più importanti teatri e festival italiani. Prima il disco-omaggio, patrocinato da Pino Daniele Trust Onlus e Campania Music Commission, poi un intero anno di tournée a cantare Pino, senza retorica, con l’energia, il ritmo e la sperimentazione, che hanno da sempre caratterizzato lo stile unico della Brigantessa della musica italiana. Non una semplice interpretazione, dunque, quella della De Sio, quanto una vera e propria immersione nel mondo di Pino Daniele, da cui ne escono contaminati i reciproci linguaggi, il folk che si fonde al blues e ai ritmi contemporanei, preservandone però parole e melodie, in una maniera che non commemora ma omaggia, che non stravolge ma rinnova: Pino è un classico, “sta sui volti della gente, sulla facciata dei palazzi”, come dichiara la stessa cantautrice “e non possiamo che salutarlo con la musica”.

Un concerto suggestivo e potente – prodotto da Arealive, in media partnership con Radio Punto Nuovo –, che si presenterà idealmente suddiviso in due parti: “‘O Scarrafone”, “Bella ‘mbriana”, “Je so’ pazzo”, e tutte le altre canzoni più belle che hanno reso indimenticata l’anima di Pino Daniele, per poi passare a “Voglia ‘e turnà”, “Pianoforte e voce”, “Aumm aumm”, gli iconici brani della De Sio, in un viaggio musicale che parte dagli anni ‘70 e arriva ai giorni nostri, senza alcuna nostalgia. Così, ai presenti in sala (via Monte di Dio, 80) sarà subito chiaro che a farla da protagonista è la città di Napoli, mai sfondo inerte nelle storie che la riguardano.

Ad accompagnare Teresa, una line-up d’eccezione: Sasà Flauto (direzione musicale e chitarre), H.E.R. (violino), Pasquale Angelini (batteria), Francesco Santalucia (tastiere), Vittorio Longobardi (basso) e Claudio Giusti (fiati), in un irresistibile crescendo musicale, con finale a sorpresa.

Wincatchers
Tufano
Vesux


SCARICA ORA LA NOSTRA APP!

app iamnaples apple

app iamnaples google