Maradona, parla il medico: “Ancora presto per dimetterlo”

Ecco le condizioni del pibe de oro

Dopo l’operazione alla testa di martedì sera per rimuovere un ematoma subdurale, il medico Leopoldo Luque della Clinica Olivos fa un quadro generale sulle condizioni del Pibe de Oro:Diego è un paziente molto difficile, è difficile da immaginare quanto lo sia ma in questa situazione bisogna essere più forti di lui e sapergli dire no”. Maradona vorrebbe tornare a casa ma per i medici non ci sono ancora le condizioni per dimetterlo, tanto che lo stesso Luque ricorda che in questi casi solitamente il ricovero dura “sette giorni o anche di più”. Diego necessita di molte cure e quello che cerco di fare da sempre è dargli la migliore attenzione“.

Il medico ha fatto inoltre sapere che l’ex Pibe de Oro e’ stato sottoposto a sedazione a causa di quel “quadro di astinenza”, legato all’uso di ansiolitici e alcol. Pensare a come curare Diego lo possono fare tutti, sembra semplice, ricevo critiche sui social come se fosse colpa mia. Ma tutti quelli che siamo vicini a lui stiamo lavorando per il suo bene”. E per quanto riguarda le voci sui dissapori con i familiari dell’ex fuoriclasse argentino, chiarisce: “La comunicazione ieri con la sua famiglia è stata molto buona, so che credono in me”.

Sartoria Italiana
Vesux
Gestione Sinistri
Il gabbiano

I Am Naples Testata Giornalistica - aut. Tribunale di Napoli n. 33 del 30/03/2011 Editore: Francesco Cortese - Andrea Bozzo Direttore responsabile: Ciro Troise © 2021 IamNaples
Salvo accordi scritti, la collaborazione con questo blog è da considerarsi del tutto gratuita e non retribuita. In nessun caso si garantisce la restituzione dei materiali inviati. Del contenuto degli articoli e degli annunci pubblicitari sono legalmente responsabili i singoli autori. - Tutti i diritti riservati Vietata la riproduzione parziale o totale dei contenuti di questo portale Tutti i contenuti di IamNaples possono essere utilizzati a patto di citare sempre IamNaples.it come fonte ed inserire un link o un collegamento visibile a www.iamnaples.it oppure al link dell'articolo.