Mazzarri: «Con me e De Laurentiis il Napoli è diventato grande. Parole di Pandev? Fanno piacere»

L’ex allenatore del Napoli, Walter Mazzarri, ha rilasciato una lunga intervista al Corriere dello Sport nella quale ha affrontato diversi temi. Non è mancata qualche parole circa la sua esperienza napoletana:

Pandev due giorni fa ha detto che Benitez ha smontato il gruppo vincente costruito da Mazzarri. Ha sorriso quando ha letto questa frase?
«Ogni riconoscimento al mio lavoro è bello, soprattutto se arriva dai calciatori. Pandev veniva dall’Inter del triplete e nel nostro gruppo si è trovato bene. Non può essere un caso… Le sue parole mi hanno fatto piacere».

Quante volte in passato ha chiesto ai suoi dirigenti di acquistare Osvaldo? 
«Osvaldo è un giocatore che ho sempre voluto perché come caratteristiche mi piace molto. Con il Napoli tutti gli anni abbiamo pensato a lui, ma non c’è mai stata la possibilità di averlo»

Ha più parlato con De Laurentiis dopo il suo addio al Napoli?
«Non c’è stata più l’occasione di rivedersi o risentirsi».

Se lo incontrerà prima di Inter-Napoli lo saluterà e gli stringerà la mano?
«Perché non dovrei? Sarebbe assurdo non salutare un presidente con cui abbiamo vissuto quattro anni di successi insieme. Con noi il Napoli è diventato grande».

Adesso che il Napoli è uscito dalla Champions League nei play off contro l’Athletic Bilbao, il lavoro di Mazzarri a Napoli sarà più apprezzato? 
«Abbiamo centrato due anni la Champions e la prima stagione abbiamo affrontato la Coppa con quasi tutti giocatori esordienti. Nonostante questo siamo stati eliminati, in maniera rocambolesca e ai supplementari, dal Chelsea che poi si è laureato campione d’Europa».

Dopo quattordici mesi alla Pinetina, quanto si sente interista? 
«Tanto perché ho conosciuto l’ambiente e i colori nerazzurri mi sono entrati nel cuore. Sarò il tredicesimo uomo in campo, dopo i tifosi». 

Molti suoi detrattori dicono che Mazzarri è un allenatore che non ama lavorare con i giovani. Cosa risponde? 
«Mi arrabbio sempre quando nel mondo del calcio viene stravolta la realtà con affermazioni come questa. La mia storia di allenatore testimonia l’opposto e sono sempre stato considerato un tecnico che migliora i giovani perché sono partito dal settore giovanile e perché credo di saper insegnare calcio. Alla Reggina ho fatto esordire una quindicina di ragazzi, ma anche alla Sampdoria e al Napoli ho lanciato o ho valorizzato elementi che in A non avevano mai fatto mai bene come con me».

Tufano

I Am Naples Testata Giornalistica - aut. Tribunale di Napoli n. 33 del 30/03/2011 Editore: Francesco Cortese - Andrea Bozzo Direttore responsabile: Ciro Troise © 2021 IamNaples
Salvo accordi scritti, la collaborazione con questo blog è da considerarsi del tutto gratuita e non retribuita. In nessun caso si garantisce la restituzione dei materiali inviati. Del contenuto degli articoli e degli annunci pubblicitari sono legalmente responsabili i singoli autori. - Tutti i diritti riservati Vietata la riproduzione parziale o totale dei contenuti di questo portale Tutti i contenuti di IamNaples possono essere utilizzati a patto di citare sempre IamNaples.it come fonte ed inserire un link o un collegamento visibile a www.iamnaples.it oppure al link dell'articolo.