Oddo: “Con Insigne e Mertens sono entrati 70-80 milioni. Sarri avrà le sue ragioni ad affidarsi sempre agli stessi”

Oddo: “Con Insigne e Mertens sono entrati 70-80 milioni. Sarri avrà le sue ragioni ad affidarsi sempre agli stessi”

L’allenatore dell’Udinese Massimo Oddo ha parlato in conferenza stampa nel post-partita di Napoli-Udinese. Ecco quanto sottolineato da IamNaples.it:

“Il Napoli fa la partita con tutti ma forse con altri tira di più in porta, abbiamo dovuto cambiare uomini e modulo ma il nostro intento non era stare così bassi, la sfida ci ha portati ad esserlo. Pezzella? E’ un ragazzo con ottime qualità in prospettiva, è serio, s’allena molto bene. I difensori sono stati bravissimi, non è facile scendere in campo quando giochi poco. Avrei preferito prendere gol in altre circostanze, eravamo messi male su una palla persa a centrocampo. Quando sono entrati Insigne e Mertens, ho pensato che stavano entrando 70-80 milioni, il Napoli voleva vincere la partita e aveva bisogno di qualcosa in più. Non penso che hanno cambiato molto loro, sinceramente credo che noi eravamo più stanchi. Il Napoli e l’Inter sono due grandi squadre, non si possono giudicare in una settimana perchè si tratta di partite molto diverse. Se mister Sarri mette spesso gli stessi uomini, vuol dire che hanno qualcosa in più. Ci sono, però, dei ragazzi interessanti come Zielinski, Diawara e Ounas che possono diventare dei giocatori importanti. Non posso dirti se utilizzerò ancora questo modulo, il tempo, gli allenamenti, le squadre avversarie fanno cambiare idea. Avevo bisogno di far riposare le nostre mezzali, in particolar modo Barak, quando giochi 5-3-2 hai bisogno di centrocampisti che s’inseriscono. Chi va in campo l’ha meritato, non do contentini, Bajic ha fatto una buona partita, ho detto ieri in conferenza che m’interessava l’approccio mentale e sono soddisfatto. Barak e De Paul? Sono giocatori talentuosi come i giovani del Napoli di cui parlavo prima, all’Udinese giocano perchè non ci sono Mertens e Insigne. Hanno il potenziale per giocare in una squadra come il Napoli ma devono seguire un percorso di crescita tattica, mentale, dipende sempre da loro ovviamente”

Dai nostri inviati al San Paolo Ciro Troise e Gilberto D’Alessio


Ha conseguito con lode la Laurea Magistrale in “Televisione, Cinema e New Media” presso l’Università IULM di Milano, dopo il percorso triennale di studi concluso con la lode a Napoli al Corso di Laurea “Culture Digitali e delle Comunicazioni” all’Università Federico II. Editorialista de “Il Corriere del Pallone”, è giornalista pubblicista da Gennaio 2010. Lavora nell’Ufficio Comunicazione di Reach Italia Onlus.

Calcio Napoli e altre news

[themoneytizer id=19885-23]
[themoneytizer id=19885-19]


SCARICA ORA LA NOSTRA APP!

app iamnaples apple

app iamnaples google