Pandev: “A Napoli mi sono divertito. Qui a Genova avverto la stessa passione azzurra”

Goran Pandev ha rilasciato alcune dichiarazioni all’edizione odierna della Gazzetta dello Sport: “Se mi guardo indietro, tutto è arrivato al momento giusto. La Lazio fu la mia occasione per diventare grande, l’Inter la squadra a cui dire di nuovo sì dopo un corteggiamento lunghissimo. Il Napoli identificava la passione per il calcio, di cui avevo bisogno per ricominciare dopo il Triplete. Il Genoa ha molti punti in comune con l’esperienza partenopea. Stessa passione popolare, ma pure la consapevolezza di essere stato a lungo voluto, inseguito. E, ora, amato”.

Il presidente Preziosi l’aveva inseguita invano nel 2011, ma lei scelse altre strade. “Dissì sì al Napoli, ero contento di andare là, con Mazzarri e Benitez mi sono veramente divertito. In quel momento era ciò che ritenevo giusto fare. Il Genoa è una piazza importante, con un tifo fantastico. Dico grazie a Preziosi e a Gasperini che mi hanno voluto. In due mesi a Genova la famiglia si è già ambientata. Questa è una città fantastica: e poi lo stadio Ferraris e la Nord sono una meraviglia. Mi aspettavano a gennaio, non sono riuscito a venire via dal Galatasaray. Ma ora eccomi qui, avevo dato la mia parola che sarei venuto in estate”

Sartoria Italiana
Vesux

I Am Naples Testata Giornalistica - aut. Tribunale di Napoli n. 33 del 30/03/2011 Editore: Francesco Cortese - Andrea Bozzo Direttore responsabile: Ciro Troise © 2021 IamNaples
Salvo accordi scritti, la collaborazione con questo blog è da considerarsi del tutto gratuita e non retribuita. In nessun caso si garantisce la restituzione dei materiali inviati. Del contenuto degli articoli e degli annunci pubblicitari sono legalmente responsabili i singoli autori. - Tutti i diritti riservati Vietata la riproduzione parziale o totale dei contenuti di questo portale Tutti i contenuti di IamNaples possono essere utilizzati a patto di citare sempre IamNaples.it come fonte ed inserire un link o un collegamento visibile a www.iamnaples.it oppure al link dell'articolo.