Paolo Rossi: “Champions? Azzurri con il 30% di possibilità di passare il turno”

"Atalanta? Squadra insidiosa ma Napoli superiore"

Un tour de force di quelli che lui conosce bene: Paolo Rossi, l’eroe dell’Italia ai Mondiali 1982 in Spagna, di cicli ravvicinati tra campionato e coppe europee ne ha vissuti tanti con la Juventus e sa come fare per affrontarli al meglio. «Innanzitutto pensare a una partita per volta e poi non fare nessuna scelta in anticipo. Il Napoli è meritatamente impegnato su tutti i fronti e deve giocarsi fino in fondo le proprie carte in tutte e tre le manifestazioni». Dieci giorni di fuoco: come affrontarli, quali sono le insidie maggiori? «Questo è il momento cruciale. Un’insidia è l’aspetto fisico che va di pari passo con il rapido recupero mentale. Devi stare bene di testa e di gambe». Quest’anno Sarri ha una rosa più ampia rispetto al passato: giusto ricorrere a un turnover maggiore? «Può essere che farà riposare qualcuno e alternerà ancora di più gli uomini: sono valutazioni di Sarri perché lui ha in mano il gruppo e il polso della situazione su come affrontare al meglio questo ciclo di partite ravvicinate. Sicuramente avere più soluzioni rappresenta un vantaggio, basta vedere ad esempio la prova positiva a Verona di Jorginho che non era stato impiegato a Madrid». Lei come giudica la sconfitta contro il Real? «Dico che poteva essere messa in preventivo vista la qualità straordinaria dei Galacticos». Il presidente De Laurentiis però ha criticato Sarri e la squadra. «Non so, magari l’avrà fatto per caricare ancora di più la squadra e metterci ancora più cattiveria agonistica nel ritorno. Sotto il profilo dell’impegno, per me, non c’è nulla da rimproverare ai giocatori, poi qualche errore dei singoli è stato commesso ma può starci. Io credo che il presidente abbia detto istintivamente delle cose per la delusione della sconfitta. Ma lui è il primo tifoso di Sarri e della squadra e tutto rientrerà rapidamente». La squadra, intanto, ha già reagito alla grande con la vittoria netta a Verona contro il Chievo. «Una risposta mentale l’ha appunto data, la sconfitta di Madrid poteva creare un contraccolpo psicologico, invece la squadra l’ha superata. Questo significa che il Napoli è maturo, si è messo alle spalle il ko con il Real ed è ripartito: nel calcio e non solo nel calcio la psicologia è importantissima».

Il ciclo ravvicinato parte con l’Atalanta, la partita meno impegnativa delle quattro o solo sulla carta? «L’Atalanta è una squadra molto insidiosa che sta facendo grandi risultati e non va assolutamente sottovalutata ed è lì davanti con merito in virtù di un grande campionato. Però il Napoli come valori e qualità è superiore e se resta concentrato senza mollare nulla riuscirà a fare sua la partita». Poi la Juve nella semifinale di C Coppa Italia a Torino: allo Juventus Stadium il Napoli ha sempre perso. «Non solo il Napoli, lì ci perdono tutti. Non so quali saranno le scelte di Allegri e Sarri ma sicuramente tutte e due le squadre ci terranno e quindi le formazioni saranno le migliori possibili in quel momento. Una partita difficile ma non impossibile: il Napoli già in campionato ha giocato alla pari della Juve e meritava qualcosa di più». Poi la Roma, scontro diretto per il secondo posto contro i giallorossi che all’Olimpico hanno vinto sempre. «Questo sarà l’esame più difficile, anche rispetto a quello di Coppa Italia contro la Juventus. La Roma in queste ultime partite mi sta impressionando favorevolmente, prima faceva un po’ fatica e vinceva spesso per 1-0, invece contro la Fiorentina e il Torino l’ho vista in grandissima forma. Sì, quella sarà una sfida cruciale per il secondo posto: la corsa è ristretta a Roma e Napoli perché l’Inter, anche se si è ripresa mettendo insieme tanti risultati di fila, resta un passo più indietro». Dulcis in fundo il Real Madrid: il Napoli ha ancora speranza per passare il turno in Champions? «Per me il Napoli ha ancora il trenta per cento di possibilità di farcela”.

L’intervista integrale sulle pagine dell’edizione odierna de Il Mattino

Tufano
Simon tech
Scarpe Diem

I Am Naples Testata Giornalistica - aut. Tribunale di Napoli n. 33 del 30/03/2011 Editore: Francesco Cortese - Andrea Bozzo Direttore responsabile: Ciro Troise © 2018 IamNaples Salvo accordi scritti, la collaborazione con questo blog è da considerarsi del tutto gratuita e non retribuita. In nessun caso si garantisce la restituzione dei materiali inviati. Del contenuto degli articoli e degli annunci pubblicitari sono legalmente responsabili i singoli autori. - Tutti i diritti riservati Vietata la riproduzione parziale o totale dei contenuti di questo portale Tutti i contenuti di IamNaples possono essere utilizzati a patto di citare sempre IamNaples.it come fonte ed inserire un link o un collegamento visibile a www.iamnaples.it oppure al link dell'articolo.