Roberto Insigne: “Sogno di giocare al fianco di Lorenzo. Sarri mi ha insegnato tantissimo. Su Diawara e Chiriches…”

"La società ed il mister hanno sempre dimostrato di credere tanto in me"

Dura la vita del fratello d’arte. Ancor di più se il maggiore di casa è titolare nel tridente del Napoli ed è uno degli uomini del momento. Ma Roberto Insigne è un ragazzo che non si fa problemi, anzi. Quel nome dietro le spalle non gli pesa, perché il rapporto con Lorenzo lo aiuta a crescere giorno dopo giorno. Anche adesso che ha scelto Latina, in serie B, dopo sei mesi di apprendistato nella bottega del maestro Sarri.

Cosa ha imparato di più dall’allenatore azzurro? «Mi ha insegnato tanto ed è giusto che tutti ne parlino così bene. È umilissimo fuori dal campo. Mi diceva sempre di giocare la palla e attaccare la profondità».

In campo, invece, il suo modello? «Ho imparato tanto da Callejon perché ero in coppia in ogni allenamento con lui. Anche adesso provo a fare sempre i suoi movimenti che sono talmente particolari che qui alle volte i miei compagni non mi capiscono».

Ma un domani immagina di tornare al Napoli in quel ruolo? «Assolutamente sì anche perché Sarri ama giocare con gli esterni invertiti ed essendo io mancino sarei perfetto per giocare a destra».

Con Lorenzo sulla fascia opposta… «Eh magari. Il mio sogno è quello di giocare un giorno titolare con mio fratello».

Il suo rapporto con Lorenzo? «Il classico tra due fratelli che si adorano. Zero gelosie e grande complicità. Mi faccio sempre dare molti consigli da lui».

In questi sei mesi c’è stato un momento nel quale ha sperato di entrare in campo? «Contro l’Inter, sul 3-0».

Ma non crede che forse il Napoli punti troppo poco sui giovani del suo vivaio? «Napoli è una piazza unica: per un giovane è più facile giocare all’Atalanta o al Sassuolo perché a Napoli i tifosi pretendono molto. Quindi capisco se l’allenatore magari preferisca tenere fuori un ragazzo giovane».

Però Diawara è un ’97... «Sì, ma stiamo parlando di un fenomeno vero. In campo quando lo vedi giocare sembra molto più grande».

Come ha vissuto questi sei mesi senza giocare? «Bene perché ho sempre avuto la fiducia da parte di Sarri e del direttore Giuntoli. In realtà è stato proprio l’allenatore a non volermi far andare via in estate e so che avrebbero voluto tenermi anche in questa sessione di mercato, ma era giusto che andassi a giocare con continuità».

A proposito, in allenamento chi la faceva soffrire di più in marcatura? «Sicuramente Chiriches. Se stai spalle alla porta non ti fa girare mai».

Lei che l’ha vissuto dall’interno, dove pensa che può arrivare il Napoli in questa stagione? «Se continua così può fare bene su tutti i fronti perché giocano un calcio bellissimo, quindi ora come ora è impossibile fare previsioni».

Dal campionato alla Champions. Quando dall’urna è uscito il Real Madrid che reazioni ci sono state? «Grande entusiasmo. Tutti nello spogliatoio lo volevano: a partire da Reina, Albiol e Callejon e non tanto perché sono ex ma perché volevano mettersi a confronto con una squadra fortissima”.

L’intervista integrale sulle pagine de Il Mattino

Tufano
Simon tech
Scarpe Diem

I Am Naples Testata Giornalistica - aut. Tribunale di Napoli n. 33 del 30/03/2011 Editore: Francesco Cortese - Andrea Bozzo Direttore responsabile: Ciro Troise © 2018 IamNaples Salvo accordi scritti, la collaborazione con questo blog è da considerarsi del tutto gratuita e non retribuita. In nessun caso si garantisce la restituzione dei materiali inviati. Del contenuto degli articoli e degli annunci pubblicitari sono legalmente responsabili i singoli autori. - Tutti i diritti riservati Vietata la riproduzione parziale o totale dei contenuti di questo portale Tutti i contenuti di IamNaples possono essere utilizzati a patto di citare sempre IamNaples.it come fonte ed inserire un link o un collegamento visibile a www.iamnaples.it oppure al link dell'articolo.