Analisi Tattica Napoli Calcio

Napoli – Chievo, l’analisi tattica: azzuri lenti e imprecisi, la pressione offensiva nel finale di gara vale 3 punti ormai insperati

La ripartenza che porta al goal di Stepinski viene propiziata da un grave errore in uscita di Tonelli

 VERSO LA GARA – Al San Paolo di Napoli, i padroni di casa affrontano il Chievo di Maran nell’ambito della trentunesima giornata del Campionato di Serie A: per la sfida con i clivensi, Sarri deve fare a meno di Albiol al centro della difesa, che verrà sostituito da Tonelli (e dunque non da Chiriches): l’ex difensore dell’Empoli affiancherà al centro della difesa Koulibaly, con Hysaj e Mario Rui terzini rispettivamente di destra e sinistra; contro il Chievo, torna dal primo minuto capitan Hamsik, che andrà a comporre la mediana azzurra insieme a Diawara (che sostituisce lo squalificato Jorginho) in cabina di regia ed Allan. In attacco, Sarri si affida al confermatissimo tridente composto da Callejon, Insigne e Mertens punta centrale. Nel Chievo, Maran deve fare a meno di calciatori importanti come Cacciatore (squalificato) Castro e Birsa (infortunati) ed imposta un 4-3-1-2 che vede Bani e Tomovic al centro della difesa, con Gobbi e Depaoli esterni bassi; a centrocampo, Maran schiera Radovanovic un po’ più arretrato rispetto ai compagni di reparto Bastien e Rigoni, con l’ex azzurro Giaccherini che agirà da trequartista alle spalle di Meggiorini e Inglese, attaccante di proprietà del Napoli.

LE CHIAVI DEL MATCH – Il Chievo si presenta in campo fin dai primi minuti con un 4-4-2 che vede Bastien e Giaccherini esterni di centrocampo; Maran inoltre pone Meggiorini in marcatura su Diawara in fase di non possesso per impedire al regista azzurro di impostare l’azione e dettare i tempi di gioco. Nel primo tempo, anche a causa del caldo – che dalla primavera in poi diventa un fattore non trascurabile –, la gara è caratterizzata da ritmi piuttosto compassati, col Napoli che non sfrutta la rapidità nella circolazione di palla, ma che occupa con costanza la metà campo avversaria e mette in seria difficoltà la difesa ospite quando accelera. Vanno sottolineate le difficoltà riscontrate da Depaoli sulle accelerazioni di Insigne: non a caso, col passare dei minuti, Maran chiede ai centrocampisti di scalare in difesa quando il Napoli detiene il possesso palla – andando a comporre una difesa a 5 – o comunque di raddoppiare sistematicamente sull’attaccante azzurro proprio per aiutare il terzino classe ’97. Al 49’, Mertens viene atterrato in area di rigore da Depaoli e Manganiello indica il dischetto: dagli undici metri, però, lo stesso Mertens si fa ipnotizzare da Sorrentino, che allontana il pallone. Dopo il rigore, Maran inserisce Stepinski al posto di Meggiorini, mentre Sarri al 64’ passa al 4-2-3-1, sostituendo Hamsik con Milik, che agirà da unica punta. Successivamente, il tecnico dei partenopei richiama in panchina Allan – che non ha disputato propriamente una buona gara – e al suo posto manda in campo Zielinski. Al 73’, il Chievo si porta in vantaggio a sorpresa con Stepinski, che viene servito al centro dell’area da Giaccherini e deposita il pallone in rete con un tiro a giro di destro; in questa circostanza, Koulibaly non si dimostra affatto reattivo, facendosi dribblare, ma è un grave errore di Tonelli a dare avvio all’azione in ripartenza del Chievo. All’81’, Maran sostituisce Giaccherini con Lèris. All’89’, Milik riacciuffa il pareggio con un preciso colpo di testa su assist di Insigne. Dopo il goal dell’attaccante polacco, il Napoli si proietta nell’area di rigore avversaria ad oltranza, collezionando numerosi calci d’angolo e mettendo letteralmente alle corde il Chievo: al 92’, gli azzurri ribaltano il risultato grazie ad un goal di Diawara, che stoppa il pallone in area e batte un incolpevole Sorrentino – miracoloso fino a quel momento – con un tiro a giro che va ad insaccarsi in rete, facendo esplodere il San Paolo e consentendo al Napoli di conquistare tre punti che fino a pochi minuti prima sembravano ormai lontani.

 

 

A cura di Mariano Menna

 

 

 

Tufano
Simon tech

I Am Naples Testata Giornalistica - aut. Tribunale di Napoli n. 33 del 30/03/2011 Editore: Francesco Cortese - Andrea Bozzo Direttore responsabile: Ciro Troise © 2018 IamNaples Salvo accordi scritti, la collaborazione con questo blog è da considerarsi del tutto gratuita e non retribuita. In nessun caso si garantisce la restituzione dei materiali inviati. Del contenuto degli articoli e degli annunci pubblicitari sono legalmente responsabili i singoli autori. - Tutti i diritti riservati Vietata la riproduzione parziale o totale dei contenuti di questo portale Tutti i contenuti di IamNaples possono essere utilizzati a patto di citare sempre IamNaples.it come fonte ed inserire un link o un collegamento visibile a www.iamnaples.it oppure al link dell'articolo.