Prende forma il Napoli di Sarri e Giuntoli: ci sarà spazio per i ragazzi del vivaio?

Prende forma il Napoli di Sarri e Giuntoli: ci sarà spazio per i ragazzi del vivaio?

Sono i giorni concreti della rifondazione, prende forma il Napoli di Sarri e Giuntoli. L’ex allenatore dell’Empoli vuole portare dalle parti del San Paolo l’asse centrale che ha illuminato il gioco della formazione toscana con Valdifiori e Saponara. Il regista ha già vissuto l’emozione delle prime ore in maglia azzurra mentre per il trequartista tanto apprezzato da Sarri la trattativa è ancora in corso. L’eventuale arrivo dell’ex giocatore del Milan consentirebbe a Sarri di avere la variante del 4-3-1-2 e allo stesso tempo aumenterebbero le possibilità di cessione di Dries Mertens oltre a Jose Maria Callejon, che nonostante le smentite di rito è ancora nel mirino dell’Atletico Madrid.

Giuntoli è finalmente operativo da qualche giorno, ha visionato le strutture del centro sportivo di Castelvolturno, ha seguito l’evolversi della trattativa per Mirko Valdifiori e si sta occupando di tante situazioni importanti per il mercato del Napoli. E’ iniziata oggi una settimana fondamentale, domani Pepe Reina terrà le visite mediche e sarà ufficiale il suo ritorno a Napoli, stavolta con un contratto triennale con il club di De Laurentiis. Sono giorni decisivi per le comproprietà, vanno tutte risolte entro giovedì alle ore 19, dopo ci saranno le offerte in busta chiusa per le situazioni in cui i due club titolari del cartellino del giocatore non hanno trovato l’accordo. Giuntoli dovrà verificare tante situazioni, sta parlando con il Torino per El Kaddouri. La società granata non ritiene congrua la cifra di 4,5 milioni di euro per il riscatto dell’altra metà del cartellino del giocatore, inoltre El Kaddouri non è contento di restare in Piemonte, vorrebbe provare un’altra esperienza. Il Napoli ha tre comproprietà da risolvere: Jorginho, Dezi e Luperto. Non c’è ancora l’accordo con il Verona, Giuntoli dovrà trattare con l’ex ds azzurro Riccardo Bigon. Jorginho piace a Sarri, che lo considera un buon giocatore, da poter inserire nella rosa dei centrocampisti a sua disposizione. I primi contatti tra Giuntoli e gli agenti di Dezi e Luperto sono positivi, l’ex ds del Carpi ha sondato il terreno per il centrocampista classe ’92 in comproprietà tra Napoli e Crotone anche a gennaio per portarlo in Emilia. C’è, quindi, stima per il calciatore, il Napoli proverà a riscattarlo anche perchè l’istituto della comproprietà saluterà il calciomercato italiano. Luperto è uno dei migliori difensori classe ’96 del campionato Primavera, il cambio di proprietà del Lecce potrebbe produrre qualche difficoltà ma c’è ottimismo per il riscatto.

Mercoledì, invece, potrebbe essere il giorno in cui si chiuderà il prestito di Roberto Insigne all’Avellino, come rivelato da IamNaples.it in esclusiva venerdì. Negli anni scorsi la gestione Bigon è stata più volte deficitaria riguardo alla gestione dei ragazzi provenienti dal vivaio: il caso Izzo è quello più grave ma anche su Maiello e Ciano il Napoli non ha saputo valorizzare i suoi talenti. Oggi il Crotone riscatterà ufficialmente l’intero cartellino del centrocampista classe ’91 per soli 60 mila euro, una cifra che non corrisponde assolutamente al valore di un ragazzo che nella prossima stagione potrebbe approdare in Serie A con la maglia del Carpi, ritrovando Raffaele Bianco, un vecchio compagno della sua scuola calcio, l’Afragola ’92. Ciano è stato lasciato per pochi spiccioli al Parma e l’attaccante classe ’90 nella scorsa stagione ha realizzato diciassette gol e ora è seguito dal Sassuolo, dal Bari e Pescara.

La gestione Giuntoli deve differenziarsi fortemente in tal senso, il vivaio deve essere messo al centro dei progetti del Napoli. Lo dimostrano anche i buoni risultati dei Giovanissimi Nazionali alla final eight in Toscana: domani basterà non perdere contro il Parma per essere certi della qualificazione alle semifinali. La crescita di questi ragazzi è un aspetto fondamentale per i progetti del Napoli, molti non sono ancora pronti per disputare il cammino Allievi Nazionali Serie A e B. E’ urgente ripristinare la categoria di mezzo, gli Allievi Lega Pro per fare in modo che quest’interessante leva ‘2000 non disperda il suo potenziale.

Ciro Troise


Ha conseguito con lode la Laurea Magistrale in “Televisione, Cinema e New Media” presso l’Università IULM di Milano, dopo il percorso triennale di studi concluso con la lode a Napoli al Corso di Laurea “Culture Digitali e delle Comunicazioni” all’Università Federico II. Editorialista de “Il Corriere del Pallone”, è giornalista pubblicista da Gennaio 2010. Lavora nell’Ufficio Comunicazione di Reach Italia Onlus.

Calcio Napoli e altre news



SCARICA ORA LA NOSTRA APP!

app iamnaples apple

app iamnaples google