Serie B, Lanciano-Avellino 1-2: i Lupi tornano a vincere, grande prestazione di Insigne

Serie B, Lanciano-Avellino 1-2: i Lupi tornano a vincere, grande prestazione di Insigne

I Lupi, dopo la sfortunata parentesi in panchina di Marcolin, hanno ritrovato Attilio Tesser con il quale hanno ottenuto un importante pareggio sul campo della Pro Vercelli. Un’annata altalenante quella degli irpini che ora si trovano a metà classifica ad un soffio dalla matematica salvezza nel campionato cadetto. Non sarà semplice andare allo Stadio Biondi a far visita al Lanciano, terzultimo in classifica e alla disperata ricerca di punti per la salvezza. Tesser si affida, vista le pesantissime assenze, all’inedito duo d’attacco Joao Silva-Mokulu supportati da Roberto Insigne nel consueto 4-3-1-2. Partenza aggressiva del Lanciano che spinge sulla sinistra con Di Francesco che mette in enorme difficoltà Biraschi, quest’oggi nel ruolo di terzino destro. Al 3′ proprio Di Francesco mette al centro un cross invitante ma Jidayi devia in corner di testa. Sugli sviluppi, però, chiude bene la retroguardia avellinese. Al minuto 11 episodio chiave: calcio di rigore per l’Avellino ed espulsione per Amenta per fallo su Mokulu. Dal dischetto va lo stesso Mokulu che si fa ipnotizzare da Cragno che respinge, palla a Gavazzi ma il portiere del Lanciano si supera ma alla fine Mokulu in scivolata mette a segno lo 0-1. Al 22′ gran calcio di punizione dalla sinistra di Roberto Insigne, colpo di testa di Joao Silva che sigla il suo primo gola in maglia biancoverde. Al 25′ fallo ingenuo di Biraschi su Di Francesco e calcio di rigore per i padroni di casa, dal dischetto va Ferrari che si fa respingere la sfera da Frattali ma Salviato è decisivo e va a segno sul rimpallo. Al 29′ Vastola sfiora il pari con un bel colpo di testa, sull’azione successiva si fa male Gavazzi che deve lasciare il campo sostituito da Bastien per un Avellino sempre più offensivo. Al 33′ ci prova il neo entrato Bastien che, dopo una discesa fulminea, scarica il destro che sfiora il palo e termina sul fondo. Al 42′ occasione dal limite dell’area anche per Roberto Insigne ma la conclusione dell’attaccante finisce altissima sopra la traversa. Al 44′ ancora vivace Insigne che chiude in crescendo la prima frazione di gioco: il mancino dai 25 metri, però, è di facile presa per Cragno. Decisamente meglio l’Avellino nel finale del primo tempo con Insigne che ci prova con insistenza ma Cragno è impeccabile e anche al 47′ nega la gioia del goal al giovane talento dell’Avellino. Al 50′ ci prova ancora l’Avellino, tentativo di Joao Silva ma la conclusione dell’attaccante è strozzata e si spegne senza particolari problemi per il Lanciano. Avellino in netta sofferenza nel secondo tempo dove il Lanciano prende campo e concedendo poco agli attaccanti irpini. Al 60′ Insigne va via in velocità e libera il mancino dalla distanza ma la palla termina abbondantemente sopra la traversa. Insigne contro Cragno, un duello che fino a questo momento ha premiato l’estremo difensore del Lanciano ma l’attaccante di scula Napoli non sembra intenzionato da arrendersi. Proprio Insigne jr, al minuto 80′, viene ammonito per uno sgambetto su Bacinovic. Avellino che porta a casa tre punti pesantissimi grazie ad una prestazione decisamente più convincente rispetto alle ultime settimanne della guida Marcolin. Buonissima prestazione per Roberto Insigne, autore del 13esimo assist stagionale che ha permesso all’Avellino di prendere il largo. Il vero faro del gioco irpino, Insigne si è mosso molto bene tra le linee mostrando una naturalezza in quello che è probabilmente il ruolo che un giorno potrà renderlo uno dei più importanti calciatori italiani. Il trequartista ha dettato i tempi dell’attacco di Tesser, dando tanto qualità e imprevedibilità alla manovra dell’Avellino. Semplicemente insostituibile.

Calcio Napoli e altre news

[themoneytizer id=19885-23]
[themoneytizer id=19885-19]


SCARICA ORA LA NOSTRA APP!

app iamnaples apple

app iamnaples google