Coppa Italia, scelta la data della finale: Tavecchio chiede spiegazioni

Il presidente Figc sarà ad Udine il prossimo 24 marzo per Italia-Spagna

Se Conte è furibondo, Carlo Tavecchio si sente tradito. Perché qualche autorevole consigliere della Lega di A, con cui i vertici federali erano in contatto da giorni per trovare una soluzione condivisa, ha disatteso le rassicurazioni fornite alla vigilia. Ma il problema non è lo stage di febbraio aperto a tutti o con l’eccezione di chi è impegnato nelle Coppe. Su quel fronte, anzi, la “collera” federale è contenuta (quella del c.t. Conte, che conferma l’annullamento, è un altro discorso): in fondo, i Bernardeschi e gli Insigne possono essere testati anche a marzo. Ma sulla data della finale di Coppa Italia, programmata per il 22 maggio, una settimana oltre la fine del campionato, gli accordi erano altri. La “trattativa” tra Serie A e Figc aveva partorito una non decisione, cioè si era scelto di prendere tempo, un mese, in attesa di vedere il cammino delle italiane nelle coppe, valutando, in caso di interruzioni precoci, anche la possibilità di disputare la finale il 29 aprile. Tavecchio aveva ricevuto rassicurazioni su un rinvio della decisione, per questo l’assemblea di Lega di venerdì lo ha colto di sorpresa. Perché questa fretta? Il presidente Figc, che oggi dirà la sua da Udine, dove il 24 marzo l’Italia affronterà la Spagna in amichevole, si è dato una risposta politica: probabilmente la Lega ha voluto dare di sé all’esterno un’idea di compattezza (che per altre questioni non esiste). Di sicuro, il rimpallo di responsabilità con la Rai raccolto a caldo non lo convince per niente.

Inutile provare a riaprire il fronte stage, Tavecchio chiederà spiegazioni a tutti quelli che lo avevano rassicurato, poi valuterà se ci sono i margini per trovare un’altra data. Per il futuro, proporrà alla Lega di A un accordo che preveda negli anni di Europei e Mondiali stage fuori dalle finestre Fifa, cui sarà obbligatorio partecipare. Ma i club cosa chiederanno in cambio?

Fonte: gazzetta.it

Sartoria Italiana
Vesux

I Am Naples Testata Giornalistica - aut. Tribunale di Napoli n. 33 del 30/03/2011 Editore: Francesco Cortese - Andrea Bozzo Direttore responsabile: Ciro Troise © 2021 IamNaples
Salvo accordi scritti, la collaborazione con questo blog è da considerarsi del tutto gratuita e non retribuita. In nessun caso si garantisce la restituzione dei materiali inviati. Del contenuto degli articoli e degli annunci pubblicitari sono legalmente responsabili i singoli autori. - Tutti i diritti riservati Vietata la riproduzione parziale o totale dei contenuti di questo portale Tutti i contenuti di IamNaples possono essere utilizzati a patto di citare sempre IamNaples.it come fonte ed inserire un link o un collegamento visibile a www.iamnaples.it oppure al link dell'articolo.