Accusarono De Sanctis, rinvio a giudizio per 2 giornalisti

L'episodio riguarda la sfida con il Lecce in cui il portiere non esultò dopo un gol

Il portiere del Napoli, Morgan De Sanctis ha vinto il primo round giudiziario contro due giornalisti che in un programma trasmesso via web il 9 gennaio 2012 l’avevano, a suo parere, diffamato. Per il pubblico  ministero di Lanciano, la dottoressa Rosaria Vecchi, ci sono gli estremi per procedere nei confronti degli indagati, per i quali il magistrato ha disposto la citazione a giudizio per l’11 febbraio 2014. Naturalmente devono essere considerati innocenti fino all’eventuale condanna definitiva. Il calciatore azzurro è assistito dagli avvocati Paolo Maria Di Napoli (che è anche professore universitario) e Renato D’Isa. Il conduttore del programma e un suo ospite quel giorno mostrarono un video divulgato da Sky il 31 dicembre precedente, relativo alla partita Napoli- Lecce del 3 dello stesso mese. La gara fu vinta dalla squadra partenopea per 4 a 2 e i due commentarono in maniera ritenuta offensiva le immagini del portiere che scuoteva la testa dopo un gol di Cavani invece di esultare. L’interessato ha poi spiegato più volte i motivi del suo atteggiamento.

Fonte: Il Roma

La Redazione

M.V.

 


Tufano
Vesux
Pizzalo Pozzuoli

I Am Naples Testata Giornalistica - aut. Tribunale di Napoli n. 33 del 30/03/2011 Editore: Francesco Cortese - Andrea Bozzo Direttore responsabile: Ciro Troise © 2018 IamNaples Salvo accordi scritti, la collaborazione con questo blog è da considerarsi del tutto gratuita e non retribuita. In nessun caso si garantisce la restituzione dei materiali inviati. Del contenuto degli articoli e degli annunci pubblicitari sono legalmente responsabili i singoli autori. - Tutti i diritti riservati Vietata la riproduzione parziale o totale dei contenuti di questo portale Tutti i contenuti di IamNaples possono essere utilizzati a patto di citare sempre IamNaples.it come fonte ed inserire un link o un collegamento visibile a www.iamnaples.it oppure al link dell'articolo.