Agosto pieno di impegni per il Napoli. Ma da adesso c’è un Higuain in più

Il primo agosto l’anniversario, il 2 party azzurro col Paok Salonicco. Tutti al San Paolo. Invitati. Come quella volta nell’88. Era Coppa Uefa, eliminazione diretta. Segnò Maradona su rigore. Uno a zero in casa, pari fuori. Gol di Careca. Paolo ospite del galà, l’apertura estiva di Fuorigrotta. Amici in… bianconero, insomma. Soci mancati sul mercato: due anni fa volevano Calaiò. quest’estate avevano puntato Pandev. Hanno preso Facundo Pereyra dal Gimnasia La Plata: argentino, numero 10. Ognuno ha evidentemente il suo… D10s è uno. Ma pure M(a)ertens. Quello del Paok ci somiglia: belga, trequartista anche lui, però più grandicello e con una vocale (e qualche guizzo) di differenza.
Debutto al San Paolo e la prima è sempre particolare. L’abbraccio della gente, la curiosità di scoprire i nuovi, la voglia di rivedere chi già c’era. Pure Higuain potrebbe tagliarsi un po’ delle vacanze per esserci: ne ha già parlato con Benitez. L’appuntamento è un classico dell’estate. Apre il San Paolo, si aprono i cuori. E il battito è prolungato. Un mese di aritmia azzurra. Il sei di agosto il picco delle emozioni. O forse no… A ciascuno i suoi palpiti. Però che notte a Ginevra. Barcellona-Napoli un happening, la rivincità di due precedenti: estate ’78 e trofeo Gamper al Camp Nou. Trentamila biglietti disponibili, lo stade de Genève è un salotto. Tappeto rosso. Il calciò sarà là e nei dintorni: chi in campo, chi sugli spalti dovendo ancora completare la preparazione. E smaltire qualche acciacco. Le creste di Neymar e Hamsik contro, il Messi del Golfo napoletano sfida l’amico Pipita. E poi il talento di Iniesta e Callejon.
E gli scugnizzi della cantera Insigne e Pedrito. Il tiqui taca di Luis Enrique opposto al calcio essenziale ma spettacolare di Rafa Benitez. Signori, si gioca, divertimento assicurato. Come il fremito due giorni dopo. Sempre Svizzera. Coi buchi. Coi trappoloni del sorteggio da evitare. Ginevra-Nyon ventuno chilometri in linea d’aria, mezz’ora di auto. La Champions si fa là. Napoli testa di serie. E di cuore. Andata il 18 o il 19, ritorno una settimana dopo. Un bivio, dentro o fuori. E’ già il calcio dei risultati, dei conti da far quadrare e dei riflessi sul mercato. Ma pure, eccome, dei sentimenti. Certi amori non finiscono, fanno dei giri immensi poi ritornano. E l’undici, al San Paolo, rieccoli, ci sono loro: annunciati, attesi. Lavezzi e Cavani affari di cuore. Napoli-Paris Saint Germain è un appuntamento preso due anni fa. Fila ai botteghini prevista e un tumulto interiore. Sarà tutto esaurito. Per il Napoli. Per rivederli. Per rinfrescare la memoria a chi sotto la tour Eiffel potrebbe aver dimenticato l’effetto che fa giocare coi sessantamila. Lavezzi e Cavani nemici-amici. E perciò da battere. Come il Genoa il 31 a Marassi. Ultimo giorno del mese, prima di campionato: quando sembra sia finita, in realtà sta appena cominciando. (R)estate col Napoli.
Fonte: Corriere dello Sport
Tufano

I Am Naples Testata Giornalistica - aut. Tribunale di Napoli n. 33 del 30/03/2011 Editore: Francesco Cortese - Andrea Bozzo Direttore responsabile: Ciro Troise © 2021 IamNaples
Salvo accordi scritti, la collaborazione con questo blog è da considerarsi del tutto gratuita e non retribuita. In nessun caso si garantisce la restituzione dei materiali inviati. Del contenuto degli articoli e degli annunci pubblicitari sono legalmente responsabili i singoli autori. - Tutti i diritti riservati Vietata la riproduzione parziale o totale dei contenuti di questo portale Tutti i contenuti di IamNaples possono essere utilizzati a patto di citare sempre IamNaples.it come fonte ed inserire un link o un collegamento visibile a www.iamnaples.it oppure al link dell'articolo.