Al Napoli occorre un grande Insigne

Al Napoli occorre un grande Insigne

Ci sono delle partite che nascono mischiando sorprese e delusioni. Atalanta-Napoli è stata una di queste partite. La sorpresa (lieta, lietissima) è arrivata dal fronte bergamasco. Carlos Carmona è un buon mediano di sostanza, tecnica media, molta grinta, notevole capacità di contenimento: mercoledì sera, nel diluvio di Bergamo ha segnato un gol molto bello, una sventola al volo da fuori area che ha terminato la sua corsa dove De Sanctis non sarebbe mai potuto arrivare. In 35 partite con il Cile, l’atalantino non ha mai fatto un gol. Anche nella Reggina 0 gol in 67 partite (comprese quelle in Serie B), nell’Atalanta 2 gol in 61 partite. Magari questa rete gli darà più coraggio e ci proverà con più frequenza, ma sta di fatto che la sorpresa di quel gol è stata grande davvero.

VISTO POCO – Sull’altro versante, la delusione. Lorenzino Insigne, talento predestinato a una carriera luminosa, aveva bisogno di dimostrare che il Napoli poteva fare a meno di Cavani e non c’è riuscito. Si è fatto vedere nel primo tempo con una mezza girata che Consigli ha deviato in angolo e nella ripresa per un assist (rifinitura di una triangolazione) per Hamsik. In mezzo ha sbagliato un gol clamoroso (dopo un liscio di Bellini) e soprattutto non ha mai fatto valere la sua tecnica per intero. Il suo classico movimento delpieriano, la finta verso il fondo, poi la sterzata al centro e il tiro a girare sul secondo palo, non ha mai impaurito la difesa dell’Atalanta, non è mai stato preciso né efficace. Ha inciso poco o almeno non quanto ci aspettavamo da lui.
IN NAZIONALE – Nella Under 21, Insigne si sente a casa sua. Ha segnato gol belli e pesanti, accanto a Immobile ritrova l’intesa dell’anno di Pescara, l’intesa che ancora tarda a trovare nella nuova squadra. Del resto, Immobile, pur con tutto il movimento che sa fare sul fronte d’attacco, resta una punta vera, quello che non è Pandev e mercoledì sera, a Bergamo, non tutto poteva filare liscio. Ma spetta a Insigne ripagare la fiducia che i tecnici gli stanno dando, da Mangia a Mazzarri passando da Prandelli. Il ct della Nazionale ha accantonato (solo per il momento?) Cassano perché punta sul giovane napoletano, ne sta seguendo la crescita, lo vuole pronto per il Mondiale in Brasile, fra meno di due anni.

LA CRESCITA – E’ ovvio che il miglioramento di Insigne non può avvenire con la maglia della Nazionale, ma con quella del Napoli. In questa stagione ha giocato e segnato solo un gol nel Napoli in dieci presenze (ma solo due da 90 minuti) e non ha sfruttato le occasioni come sperava Mazzarri che aveva deciso (bene, si può aggiungere) di confermare Insigne dopo il periodo di prova durante il ritiro. Ma quanto ha fatto finora non basta. Cavani sovrasta tutti e la sua assenza si è fatta sentire a Bergamo dove la pressione del Napoli, nel secondo tempo, è stata tale da immaginare un esito diverso con l’uruguaiano in campo. Ma quel ruolo, quel posto di cannoniere, quando non c’è Edinson, tocca anche a Insigne.

In questa stagione stanno emergendo giovani interessanti, uno, Stephan El Shaarawy, ha già segnato 7 gol in campionato; un altro, il giovanissimo Pogba, si è già imposto nella Juventus. Ora tocca a Insigne prendere quello che il Napoli gli sta offrendo. I giovani vanno attesi con pazienza, ma in questo momento il Napoli non può aspettare.

Fonte: Corriere dello Sport

La Redazione

A.S.


La redazione di IamNaples.it

Calcio Napoli e altre news

[themoneytizer id=19885-23]
[themoneytizer id=19885-19]


SCARICA ORA LA NOSTRA APP!

app iamnaples apple

app iamnaples google