Alessia Romano: “Il calcio femminile ha bisogno di visibilità”

Sappiamo tantissimo di calcio, ogni giorno c’è sempre qualche servizio in tv o articolo di giornale che aggiorna i tifosi degli ultimi scambi in calciomercato o degli ultimi scandali arbitrali o semplicemente dell’ultima partita disputata. Ma è l’unica realtà sportiva legata al calcio?

No, ce n’è un’altra, altrettanto seguita da tifosi e giocata allo stesso modo, che vede giocare sul campo le donne.

Il Calcio in rosa come lo si chiama vive all’ombra di quello maschile per la poca visibilità, ecco perchè Casoriadue ha voluto avvicinarsi di più per conoscere questa realtà che a livello mediatico subisce non poco. A questo proposito abbiamo intervistato Alessia Romano addetto stampa e giocatrice della squadra Domina Neapolis Academy di Casalnuovo che quest’anno sarà pronta per il salto di categoria in A2.

 

Giocatrice e addetto stampa, riuscire a coniugare due passioni non è sempre facile, come ti sei avvicinata al mondo del calcio?

“Non è facile, ma si fa il possibile per riuscirci. Il lavoro da addetto stampa è principalmente per dare visibilità alla squadra, riuscire ad avvicinare sempre più supporters non solo alla Domina Neapolis Academy ma all’intero movimento femminile.  Ho sempre avuto una forte passione per il gioco del calcio, ma non avevo una realtà concreta con la quale confrontarmi. Insomma non sapevo dell’esistenza di squadre di calcio femminile. E oggi cerco di fare il possibile per recuperare i tanti anni di calcio persi ed evitare, divulgando lo sport in rosa, che altre possano trovarsi nella mia situazione”

Ne abbiamo avuto di dimostrazioni in questo periodo, ci sono moltissime differenze tra il calcio maschile e quello femminile come credi possa cambiare l’approccio versa questa realtà sempre più sui generis per chi non è dell’ambiente?

“Sì purtroppo il calcio femminile vive all’ombra di quello maschile, eppure le donne sono atlete allo stesso modo degli uomini e lavorano come loro e offrono in campo uno spettacolo tecnico che non ha nulla da invidiare al maschile. Quindi la domanda è ” perchè un binomio tanto accattivante come calcio&donne non è così seguito come ci si aspetterebbe?” Io credo che la risposta stia nel poco spazio che i mass-media ci concedono. E’ da qui che si dovrebbe partire, perchè credo che l’informazione sia il fondamento di ogni cosa”

Parlando della tua squadra la Domina Neapolis Academy, siete in capolista a punteggio pieno pronte per il salto di categoria in A2, fin’ora non ne avete sbagliata una, cos’è che fa la differenza nella vostra squadra?

“La differenza la fa la qualità della nostra squadra. Credo che la maggior parte degli elementi siano di un livello superiore e che meritino la A2. Ma sicuramente aldilà delle doti tecniche individuali, la squadra è composta da persone umanamente straordinarie e viene di conseguenza il gruppo del tipo “uno per tutti, tutti per uno”.

In ogni sport ci sono sacrifici ma anche soddisfazioni. Cosa spinge a non mollare, a tenere duro e finalmente ottenere qualcosa in cambio?

“Credo che tutto stia nella passione. La voglia di scendere in campo è tanto forte da riuscire ad annullare ogni sentimento di senso opposto. I sacrifici sono tanti, a volte troppi, ma si avanti, si continua a dare il massimo sempre, consapevoli che il campo regalerà un momento di felicità che basta, da solo, ad azzerare tutto il resto”

Fonte: Simona Barra per Casoriadue

La Redazione

C.T.

Tufano

I Am Naples Testata Giornalistica - aut. Tribunale di Napoli n. 33 del 30/03/2011 Editore: Francesco Cortese - Andrea Bozzo Direttore responsabile: Ciro Troise © 2021 IamNaples
Salvo accordi scritti, la collaborazione con questo blog è da considerarsi del tutto gratuita e non retribuita. In nessun caso si garantisce la restituzione dei materiali inviati. Del contenuto degli articoli e degli annunci pubblicitari sono legalmente responsabili i singoli autori. - Tutti i diritti riservati Vietata la riproduzione parziale o totale dei contenuti di questo portale Tutti i contenuti di IamNaples possono essere utilizzati a patto di citare sempre IamNaples.it come fonte ed inserire un link o un collegamento visibile a www.iamnaples.it oppure al link dell'articolo.