Ancora Vessicchio: “Ho sbagliato e chiesto scusa, il sessista è Nicchi che non fa arbitrare le donne in Serie A”

Dichiarazioni rilasciate a Striscia la Notizia

Questa sera a Striscia la notizia (Canale 5, ore 20.35) Rajae Bezzaz intervista Sergio Vessicchio, il giornalista dell’emittente locale CanaleCinqueTv che durante la telecronaca della partita di calcio Agropoli-Sant’Agnello (campionato di Eccellenza Campania), si è scagliato contro l’assistente arbitrale Annalisa Moccia, dicendo: «Prego la regia di seguire l’assistente donna. È una cosa inguardabile! È uno schifo vedere le donne che vengono a fare gli arbitri in un campionato dove le società spendono centinaia di migliaia di euro…». Il giornalista, intercettato ad Agropoli dall’inviata di Striscia ammette: «Ho sbagliato e ho chiesto scusa alla donna». Ma sottolinea: «La mia idea è fissa e bloccata: le donne devono arbitrare le donne, gli uomini devono arbitrare gli uomini». Rajae ribatte: «Ma questa è un’idea un po’ sessista…». E il telecronista: «Non mi accusi di sessismo perché non gliela faccio passare. Il sessista è Marcello Nicchi (presidente Aia, ndr) che non le fa arbitrare in Serie A. Vada da Nicchi». Inoltre aggiunge: «Si deve dimettere il presidente. Le manda al macello e al massacro sui campi di periferia».

Tufano
Simon tech
Scarpe Diem

I Am Naples Testata Giornalistica - aut. Tribunale di Napoli n. 33 del 30/03/2011 Editore: Francesco Cortese - Andrea Bozzo Direttore responsabile: Ciro Troise © 2018 IamNaples Salvo accordi scritti, la collaborazione con questo blog è da considerarsi del tutto gratuita e non retribuita. In nessun caso si garantisce la restituzione dei materiali inviati. Del contenuto degli articoli e degli annunci pubblicitari sono legalmente responsabili i singoli autori. - Tutti i diritti riservati Vietata la riproduzione parziale o totale dei contenuti di questo portale Tutti i contenuti di IamNaples possono essere utilizzati a patto di citare sempre IamNaples.it come fonte ed inserire un link o un collegamento visibile a www.iamnaples.it oppure al link dell'articolo.