Benitez a 360 gradi: “Cavani è fondamentale per noi. Seguiamo diversi calciatori, non solo spagnoli”

Benitez: "Sono rimasto piacevolmente sorpreso dall’accoglienza dei tifosi"

NAPOLI – Dice di essere stanco ma felice. Di trascorrere le vacanze al telefono per sapere se quel calciatore abbia firmato il contratto o meno. E’ un Rafa Benitez a tuttocampo, quello che si confessa a radio e tv, giornali ed agenzie. Non passa giorno che non rilasci una o due interviste. E che pubblica sistematicamente in spagnolo o in inglese sul suo sito-web (a giorni, la versione in italiano). Questo è il primo effetto dell’ingaggio di un tecnico dal palmares così ricco: si parla del Napoli e di Napoli in tutto il mondo. Dopo aver parlato a radio Marca, l’ex allenatore di Valencia, Liverpool e Chelsea, Benitez si confessa anche ad Onda Cero, a Radio Cope e a Europa Press. Tutti lo cercano, tutti vorrebbero conoscere le sue sensazioni, i suoi progetti, il suo pensiero su Cavani.

L’ENTUSIASMO – E Don Rafa si concede volentieri alla stampa internazionale. E la prima cosa che traspare è il suo smisurato entusiasmo per la nuova avventura. Come farebbe un adolescente al primo colpo di fulmine per una ragazza. « E’ una bella sensazione arrivare in un posto dove la gente ti aspetta e ti sostiene – dice all’inviato di Europa Press – E’ uno stimolo in più per il futuro». «Sono stato piacevolmente sorpreso dall’accoglienza dei tifosi napoletani – aggiunge a Radio Cope- Ho ottimi rapporti con i an dell’Extremadura, del Valencia e del Liverpool e Napoli mi sembra su quella linea.Vedo molte somiglianze con Valencia e Liverpool: una città che vuole competere con altre più potenti sul piano economico e vuole farlo unendo tutte le componenti: la squadra, i tifosi, la città, l’organizzazione generale».
E a Onda Cero, parla anche dell’ultima esperienza in panchina: « Sapevo che avrei firmato per pochi mesi. Ma alla fine anche i tifosi del Chelsea hanno apprezzato il nostro lavoro e la nostra professionalità. Anzi dopo aver vinto l’Europa League, un gruppo di loro ha chiesto anche scusa per come si sono comportati altri tifosi nei miei confronti».

GLI OBIETTIVI – «Non ce ne poniamo ma vogliamo far bene in tutte le competizioni. Ci prepareremo per diventare una squadra che diverte e s’impone all’attenzione di tutti. Vogliamo competere in tutto quello che si può competere. Ed andare avanti sia in Champions che in campionato. Ovviamente ci sarà da lavorare tanto e gli inizi non saranno facili. Ma il presidente De Laurentiis è persona intelligente, molto preparata, sa quello che vuole. Ha preso il Napoli otto anni fa in terza divisione e l’ha portato fino alla Champions. La squadra ha già una dinamica di gioco molto buona. In passato è stato fatto un buon lavoro, continueremo su quella linea. Ma un periodo di adattamento ci vorrà sempre», confessa ad Europa Press.

CAVANI – Benitez ribadisce la sua posizione, peraltro già espressa a radio Marca a proposito del destino di Cavani: «Mi farebbe piacere se restasse con noi. Ora è concentrato ancora nella Confederation Cup, dopodichè ne riparleremo. Lui è fondamentale per noi. Stiamo seguendo diversi calciatori, non solo spagnoli», s ottolinea ad Europa Press. E poi ad Onda Cero, ripete: «Saremmo davvero felici se Cavani non si spostasse da Napoli. Lui è consapevole dell’amore della città e dei tifosi verso i suoi confronti». Ed infine a Radio Cope: «Se rimane è perché qualcuno non riesce a pagare tutta la clausola ma noi non vorremmo privarci di Cavani e per la società non è sul mercato».

ANCELOTTI – Benitez fa anche i complimenti ad Ancelotti approdato sulla panchina del Real Madrid: «Ho un buon rapporto con lui dai tempi della Premier e anche della finale di Champions tra Liverpool e Milan. Penso sia la persona più giusta e preparata per recuperare i valori tecnici del Real Madrid» . E di Mourinho che l’ha rimpiazzato al Chelsea, neanche un commento. Tra i due non c’è feeling. Benitez si limita ad elogiare solo qualche ex dei Blues: «Torres ha recuperato freschezza atletica con noi ed ora è un calciatore diverso da quello che trovammo approdando sulla panchina del Chelsea». Parla al plurale, coinvolgendo sempre il suo staff.

La Redazione

G.D.

Fonte: Corriere dello Sport

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Tufano
Simon tech

I Am Naples Testata Giornalistica - aut. Tribunale di Napoli n. 33 del 30/03/2011 Editore: Francesco Cortese - Andrea Bozzo Direttore responsabile: Ciro Troise © 2018 IamNaples Salvo accordi scritti, la collaborazione con questo blog è da considerarsi del tutto gratuita e non retribuita. In nessun caso si garantisce la restituzione dei materiali inviati. Del contenuto degli articoli e degli annunci pubblicitari sono legalmente responsabili i singoli autori. - Tutti i diritti riservati Vietata la riproduzione parziale o totale dei contenuti di questo portale Tutti i contenuti di IamNaples possono essere utilizzati a patto di citare sempre IamNaples.it come fonte ed inserire un link o un collegamento visibile a www.iamnaples.it oppure al link dell'articolo.