Benitez carica: «Stavolta conta solo vincere. Mi fido della mia squadra»

«E’ la partita più importante, ma sono tranquillo perché ci siamo allenati di più»

Scurdammoce ‘o passato… Le ombre che si allungano, minacciose: però quello rappresenta ciò ch’è stato recentemente, un mese attraversato con l’insostenibile pesantezza del non essere se stesso. E mentre intorno c’è il silenzio, il vuoto che avvolge, il richiamo alle origini, alla propria identità, è una vocina che scuote la coscienza del Napoli e l’invita a rialzarsi. «Bisogna vincere. E ripartire». Il San Mamés, il Chievo, l’Udinese e infine il Palermo: ci sono macerie psicologiche che vanno rimosse aiutandosi, scrollandosi da dentro la malinconia, dimenticando l’amarezza, prendendo a spallate quella sensazione di amarezza che travolge: è Sassuolo-Napoli, è ormai un’altra «vita», da vivere a modo proprio, correndo in avanti – come una volta – per lasciare il più lontano possibile il ricordo inquietante di pomeriggi e serate dannose alla salute.
«Ragazzi, noi siamo quelli…». Quelli che presero a sberle il Borussia Dortmund, quelli che fecero 78 punti e vinsero la coppa Italia, quelli delle quattro vittorie – ahiloro – inutili in Champions, quelli dei centoquattro gol e di una dimensione internazionale: quelli che Rafa Benitez ha «educato» ad un calcio europeo improvvisamente smarrito e ora reclamato, senza urlare, perché per farsi ascoltare non è necessario, in uno stanzone nel quale il Napoli è sfilato per confrontarsi con il proprio allenatore.

CAMBIARE. Però dentro, innanzitutto: nella testa, ancor prima che in uno schema ch’è quello con il quale s’è esaltata la «verticalità» d’un Napoli capace di far male a chiunque, tranne che alle piccole, come in paradossale copione scritto a più mani. E invece, sono sempre le stelle, tranne qualcuno: dunque, magari un giorno, chissà quando, si potrà anche pensare al centrocampo a tre, però la matrice della felicità dell’anno scorso è in una identità forte, caratterizzata.
«Ma ora non conta nient’altro che vincere e questa per noi è la partita più importante. Sappiamo chi siamo e cosa vogliamo, sappiamo di dover lavorare e abbiamo anche fatto un allenamento in più, rispetto a quelli previsti. Dobbiamo migliorare la fase difensiva e ritrovare la serenità e la fiducia in noi stessi: per farlo, servono subito i tre punti».

AVANTI. E’ praticamente inutile star lì a «fracassarsi» la testa sulla Champions e su quel che s’è irrimediabilmente perduto e la svolta va colta in fretta, a Reggio Emilia, in un Sassuolo-Napoli preparata al video e chiacchierando molto, con chiunque, per cercare di leggere le motivazioni d’un malessere che ha lasciato una scia di malinconia e punti per strada. «Ho detto in questi giorni che la squadra sta bene e che meritava di più: i risultati ci hanno tolto la fiducia ed il risultati dovranno riportarcela.
Con il Palermo abbiamo avuto tre occasioni sul 2-1 e ci stava un rigore, ma nessuno ne parla. Ora bisogna essere concentrati, attenti e recuperare l’equilibrio: io non penso ad un filotto di vittorie di cinque partite, io ora ho solo il Sassuolo in testa. E vado ad affrontarlo con questa squadra che ha fatto così bene nella passata stagione e può continuare a farlo. Ci vado con assoluta tranquillità, perché sento De Laurentiis spesso ed avverto il suo sostegno». Perché c’è poi un passato che non va dimenticato: do you remember, Napoli?
Fonte: Corriere dello Sport

Tufano

I Am Naples Testata Giornalistica - aut. Tribunale di Napoli n. 33 del 30/03/2011 Editore: Francesco Cortese - Andrea Bozzo Direttore responsabile: Ciro Troise © 2021 IamNaples
Salvo accordi scritti, la collaborazione con questo blog è da considerarsi del tutto gratuita e non retribuita. In nessun caso si garantisce la restituzione dei materiali inviati. Del contenuto degli articoli e degli annunci pubblicitari sono legalmente responsabili i singoli autori. - Tutti i diritti riservati Vietata la riproduzione parziale o totale dei contenuti di questo portale Tutti i contenuti di IamNaples possono essere utilizzati a patto di citare sempre IamNaples.it come fonte ed inserire un link o un collegamento visibile a www.iamnaples.it oppure al link dell'articolo.