Benitez è certo: “Possiamo rialzarci da questo momento, ci credo ancora”

"Abbiamo i mezzi e le qualità giuste Io ci credo ancora» Ma intanto revoca il giorno di riposo..."

LA CRISI. E allora, l’analisi. La valutazione di un pareggio subito dopo essere andati in vantaggio per due volte – la prima addirittura per 2-0 – e un andamento del tutto incomprensibile per essere vero: il punto racimolato in tre partite non è soltanto lo specchio della crisi, bensì è anche un diretto in pieno volto per chi aspira allo scudetto. L’ultima, nonché unica vittoria in campionato è troppo lontana: a Genova fu soltanto un lampo a tempo scaduto? «Dobbiamo recuperare la serenità e la fiducia: con il Sassuolo sarà la partita più difficile della stagione».

LA TESTA. Benitez è lapidario, nel suo incipit. Ma poi argomenta con dovizia: «Noi in crisi?». Lo dicono i numeri. «Beh, questi sono i numeri di una squadra che l’anno scorso ha messo insieme 78 punti e che ora deve recuperare la serenità». Batte sul tema e ripete il concetto e i termini, il tecnico azzurro: «La squadra, adesso, ha bisogno di ritrovare la serenità: manca, è così, però bisogna compattarsi. Dobbiamo stringerci, tutti insieme, e lavorare per recuperare i giocatori che in campo sanno fare la differenza». E ancora: «Io sono l’allenatore di una squadra forte che nella stagione precedente ha fatto bene e che ora deve ripartire: i giocatori hanno la qualità, ma dobbiamo ripartire tutti insieme. E dobbiamo farlo per tornare a viaggiare come la squadra di alto livello che siamo».

NON RISCHIO. De Laurentiis, in partenza per gli States, ieri non era al San Paolo. «Non l’ho sentito. E comunque non è che ogni minuto devo parlare con il presidente per sapere se devo sentirmi a rischio oppure no». E ancora: «E certo che, oltre a tornare sereni, dobbiamo migliorare la fase difensiva, però di buono c’è che abbiamo segnato tre gol e creato molte più occasioni. Tra cui un rigore, netto, che ci è stato negato. E’ ovvio che le tre reti subite non vanno bene, però l’aspetto positivo sono le tre realizzate». Senza Higuain: «Ha fatto tre partite di fila e gli ho spiegato che, schierarlo, poteva essere rischioso».

MENTALITA’ E MERCATO. Ultimo capitolo dedicato alla ferita sempre aperta dei punti persi con le squadre meno blasonate. Un refrain: «Mi ripeterò, ma ritengo che per trovare intensità e continuità bisogna innanzitutto ritrovare la serenità».
Il d.s. Bigon conferma e aggiunge: «Siamo convinti che la squadra si risolleverà, la fiducia in Benitez è massima. Il mercato? Non è che non si vince con il Palermo a causa del mercato. E tra l’altro in campo, dei nuovi, c’era solo Koulibaly» .

Fonte: Corriere dello Sport

Tufano

I Am Naples Testata Giornalistica - aut. Tribunale di Napoli n. 33 del 30/03/2011 Editore: Francesco Cortese - Andrea Bozzo Direttore responsabile: Ciro Troise © 2021 IamNaples
Salvo accordi scritti, la collaborazione con questo blog è da considerarsi del tutto gratuita e non retribuita. In nessun caso si garantisce la restituzione dei materiali inviati. Del contenuto degli articoli e degli annunci pubblicitari sono legalmente responsabili i singoli autori. - Tutti i diritti riservati Vietata la riproduzione parziale o totale dei contenuti di questo portale Tutti i contenuti di IamNaples possono essere utilizzati a patto di citare sempre IamNaples.it come fonte ed inserire un link o un collegamento visibile a www.iamnaples.it oppure al link dell'articolo.