Benitez, patto con i giocatori. Il mercato chiuso e i traguardi da raggiungere

LA SVOLTA. Per curare i mal di pancia, presunti o reali, Rafa Benitez s’è strappato il volto e s’è infilato la maschera da duro: l’ha rivelato poi, nel ventre di Marassi, ben oltre la mezzanotte, cos’era realmente successo venerdì mattina, alla ripresa, mentre a Castelvolturno s’intravedevano soprattutto i fantasmi di Aduriz e di Valverde e tutt’intorno s’avvertiva ancora nitida l’eco del San Mamés. «E adesso il mercato sta per finire per davvero, anzi è chiuso: noi abbiamo traguardi importanti e questa è la nostra squadra» . Così è, anche se vi pare strano che Benitez abbia smesso i suoi abiti da “sir” e si sia vestito con la tuta dell’operaio: e invece, per rimettersi a correre, nel finale arroventato di Marassi, con il timore (il terrore?) di dover fronteggiare una crisetta ambientale generata da un pareggio, emergono i dettagli ed i particolari di questa “strana coppia” che l’allenatore ha scoperto di allestire con Gonzalo Higuain, uno a fare la mente e l’altro ad ergersi a braccio, in una battaglia psicologica necessaria (indispensabile?) proprio al debutto in campionato. «Ci siamo parlati, ci siamo guardati in faccia» .

EL PIPITA. Il Napoli è rinato (mentalmente) sdraiandosi e lasciandosi psicanalizzare da se stesso, qualcosa ha modificato – ovvio – ed ha beneficiato del rientro d’uno Zuniga che ora va ed ora soffre, che s’è goduto un Inler da ciak si gira, che s’è lasciato scuotere da Gonzalo Higuain, molto più d’un bomber ma il leader che (a naso) non c’è, perché qui il carisma o il magnetismo o l’autorevolezza sembrano vagamente latitare dopo l’addio di Pepe Reina, quel “mostro” che s’è preso il Napoli e l’ha manipolato ad uso e consumo delle esigenze d’un gran club. «Io ed i compagni ce lo siamo detti sia nei giorni scorsi che prima dell’inizio della partita con il Genoa: bisognava dimenticare la sconfitta di Bilbao, bisognava ricominciare subito vincendo, in qualsiasi modo. Perché avevamo bisogno noi e chi ci sta al fianco, i nostri tifosi, d’un pieno di vitalità. E siamo riusciti a battere il Genoa. E ora abbiamo impegni importanti su quattro fronti: il campionato, l’Europa League, la Coppa Italia e la Supercoppa» . Mica solo al Nazareno fanno i patti!

Fonte: Corriere dello Sport
Tufano
Simon tech

I Am Naples Testata Giornalistica - aut. Tribunale di Napoli n. 33 del 30/03/2011 Editore: Francesco Cortese - Andrea Bozzo Direttore responsabile: Ciro Troise © 2018 IamNaples Salvo accordi scritti, la collaborazione con questo blog è da considerarsi del tutto gratuita e non retribuita. In nessun caso si garantisce la restituzione dei materiali inviati. Del contenuto degli articoli e degli annunci pubblicitari sono legalmente responsabili i singoli autori. - Tutti i diritti riservati Vietata la riproduzione parziale o totale dei contenuti di questo portale Tutti i contenuti di IamNaples possono essere utilizzati a patto di citare sempre IamNaples.it come fonte ed inserire un link o un collegamento visibile a www.iamnaples.it oppure al link dell'articolo.