Caserta carica la Juve Stabia: «Serve il colpo»

Il regista: «Affrontiamo una big del campionato ma niente timori»

Più volte il suo secondo, Isetto, lo aveva accostato allo “Special One” José Mourinho per competenza e capacità di motivare il gruppo, ma in fondo anche per il carattere bizzoso. E mai paragone è sembrato più azzeccato. All’indomani della sonora batosta interna con il Novara (al Menti con lui in panchina quattro gol la Juve Stabia non li aveva mai incassati) Piero Braglia decide di chiudersi a riccio, “disertando” l’incontro con la stampa, rinviato a “dopo la partita”, lasciando al capitano Fabio Caserta l’incombenza di commentare il risultato negativo, ma anche di anticipare le attese per la sfida di Varese. Una decisione che sembra però confermare un momento di nervosismo, anticipato, sempre nella mattinata di ieri, dal botta e risposta, a distanza, tra la dirigenza stabiese e quella del Mutual, la società contro cui era stato vinto il ricorso nella prima giornata del torneo di Viareggio.
Caserta, dal canto suo, da uomo navigato qual è prova a tenere le polemiche a distanza: «Sabato non si è vista la solita Juve Stabia – ha confermato -, ci è mancato qualcosa. Purtroppo sembra sempre che quando siamo ad un passo dal salto di qualità non riusciamo a compierlo. Peccato, ma star qui a piangere sul latte versato serve a poco, voltiamo pagina e guardiamo avanti». Colto da un malore al termine della gara con i piemontesi, il capitano era stato portato per accertamenti in ospedale: «Solo un problema intestinale dovuto all’influenza – minimizza -. Stavo male anche il giorno prima, poi mi sono sentito di giocare, segnando anche un gol che sembrava aver riaperto i giochi. Ora sto meglio e sono pronto alla sfida di Varese». Dopo l’addio di Danilevicius, Caserta, con cinque reti, è il nuovo bomber gialloblù: «Non scherziamo. I bomber sono altri in questa squadra, e sono convinto che riusciranno a sbloccarsi, trovando la via del gol per dare un grosso contributo alla squadra».
Partenza prevista per questo pomeriggio in aereo, domani uno dei match più importanti della stagione. Per restare agganciati alle zone che contano sarà vietato steccare: «Affrontiamo una squadra in piena lotta playoff – commenta Caserta -, ma non possiamo avere timori reverenziali. Se davvero vogliamo provare a puntare a qualcosa in più della semplice salvezza, dobbiamo trovare il giusto equilibrio, dando continuità ai risultati. Sappiamo che ci aspetta una gara difficile, ma conosciamo anche il valore di questa Juve Stabia. Dobbiamo disputare una gara importante, consapevoli di poter dire la nostra». Senza Zito e Baldanzeddu, squalificati, una Juve Stabia tutta da decifrare nel modulo e negli uomini: «Braglia ci ha abituato spesso a cambiare modo di stare in campo, sono convinto che saprà come sopperire alle assenze. Siamo un bel gruppo, nessuno è indispensabile». Il pensiero finale del capitano va a Carmelo Imbriani, che con la sua storia ha colpito tutto il mondo del calcio.

Fonte: Il Mattino

La Redazione

M.V.

 

 

Tufano

I Am Naples Testata Giornalistica - aut. Tribunale di Napoli n. 33 del 30/03/2011 Editore: Francesco Cortese - Andrea Bozzo Direttore responsabile: Ciro Troise © 2021 IamNaples
Salvo accordi scritti, la collaborazione con questo blog è da considerarsi del tutto gratuita e non retribuita. In nessun caso si garantisce la restituzione dei materiali inviati. Del contenuto degli articoli e degli annunci pubblicitari sono legalmente responsabili i singoli autori. - Tutti i diritti riservati Vietata la riproduzione parziale o totale dei contenuti di questo portale Tutti i contenuti di IamNaples possono essere utilizzati a patto di citare sempre IamNaples.it come fonte ed inserire un link o un collegamento visibile a www.iamnaples.it oppure al link dell'articolo.