Caso-Neymar, confiscato il telefono dell’accusatrice

Per la polizia contiene prove utili al caso sul presunto stupro

 La giustizia brasiliana ha emesso un mandato di ricerca e confisca del cellulare di Najila Trindade, la modella che accusa Neymar di stupro. Secondo la polizia, la ragazza non ha ancora consegnato l’apparecchio, come aveva promesso di fare durante la sua testimonianza: gli inquirenti ritengono che al suo interno potrebbero essere contenute prove utili al caso. Il giocatore finora ha sempre negato le accuse. La giovane afferma di avere un video di 7 minuti sul suo telefono, registrato in occasione del suo secondo incontro con Neymar, avvenuto il 16 maggio a Parigi. Il filmato sarebbe la versione completa di quello divulgato sul web e che mostra la 26enne mentre prende a schiaffi il calciatore lamentandosi di quanto avvenuto la sera prima. La Trindade non è da giorni nel suo appartamento di San Paolo, che secondo lei sarebbe stato ‘visitato’ da ignoti: per la stampa locale avrebbe trascorso tre giorni a Ilheus, dove ha visitato il padre, si è riposata e ha parlato con il suo nuovo avvocato, Cosme Araujo.

fonte: ansa

Tufano
Simon tech
Scarpe Diem

I Am Naples Testata Giornalistica - aut. Tribunale di Napoli n. 33 del 30/03/2011 Editore: Francesco Cortese - Andrea Bozzo Direttore responsabile: Ciro Troise © 2018 IamNaples Salvo accordi scritti, la collaborazione con questo blog è da considerarsi del tutto gratuita e non retribuita. In nessun caso si garantisce la restituzione dei materiali inviati. Del contenuto degli articoli e degli annunci pubblicitari sono legalmente responsabili i singoli autori. - Tutti i diritti riservati Vietata la riproduzione parziale o totale dei contenuti di questo portale Tutti i contenuti di IamNaples possono essere utilizzati a patto di citare sempre IamNaples.it come fonte ed inserire un link o un collegamento visibile a www.iamnaples.it oppure al link dell'articolo.