Cavani salta la Nazionale, il Napoli prepara la documentazione medica

Nessun dubbio che il bicchiere azzurro rimanga mezzo pieno, e anche di più, nonostante il pesante handicap di dover affrontare l’Inter e San Siro senza Edinson Cavani: diventato martedì sera il nuovo cannoniere azzurro all time nelle partite internazionali (9 centri, staccato pure Canè). Ma il Napoli aveva temuto di perdere più a lungo il Matador, vedendolo sofferente dopo la sostituzione e poi costretto a lasciare il campo a braccia, al termine della sfida con il Villarreal.

Ieri mattina, dunque, tutti con il fiato sospeso in attesa dell’esito dell’ecografia, necessaria per appurare la gravità  dell’infortunio. E il responso, pur confermando la indisponibilità  dell’attaccante per la trasferta milanese di dopodomani, ha finito per strappare perfino qualche sorriso al clan azzurro.

Non è delle peggiori, infatti, la distorsione (tra il primo e secondo grado) alla caviglia destra di cui è rimasto vittima il giocatore sudamericano. Lo staff sanitario conta di rimetterlo a disposizione di Mazzarri al massimo in due settimane, facendogli così saltare solo una gara. Provvidenziale la sosta di campionato, prevista subito dopo la super sfida contro l’Inter.

Per il Napoli, superato lo scoglio di San Siro, l’infortunio di Cavani potrebbe, paradossalmente, diventare perfino una opportunità . Il Matador non potrà  infatti rispondere alla faticosa convocazione della sua nazionale, che contava pure su di lui per le due partite di qualificazione per i Mondiali contro Bolivia (7 ottobre) e Paraguay (11).

A Castel Volturno è già  pronta la documentazione medica, in partenza via fax per l’Uruguay. De Laurentiis spera che basti per convincere Tabarez. Trattandosi di impegni ufficiali, però, il ct potrebbe imporre al bomber azzurro anche una visita fiscale, chiedendogli lo stesso di presentarsi nel ritiro di Montevideo.

Un”eventualità  da scongiurare, perchè i due voli intercontinentali, a vuoto, sarebbero comunque un fastidio. La serietà  dell’infortunio di Cavani, anche se non gravissimo, è sotto gli occhi di tutti. Il Matador non riusciva neppure a guidare, ieri mattina. E ha avuto bisogno di un passaggio dal suo vicino di casa, Fideleff.

«La caviglia mi fa male, non posso poggiare a terra il piede..», ha spiegato l’attaccante al suo arrivo, spegnendo tutte le speranze di un recupero in extremis per l’Inter. Ecco perchè, a conti fatti, l’esito dei successivi esami medici ha risollevato tutti. Il Napoli aveva già  capito di aver perduto Cavani: molto meglio se la sua assenza durerà  solamente per una partita.

E nella sosta, appena sarà  guarito, il Matador potrà  recuperare le energie senza partire per la Nazionale. Probabile che lo sostituisca Pandev, con l’Inter. Ma la vera arma degli azzurri sarà  l’euforia, dopo il trionfo al San Paolo. Lavezzi (“Grandissima vittoria”) e Gargano (“Grazie ai tifosi”) l’hanno celebrata su Twitter.

Inler sul suo sito internet. «Pubblico indescrivibile». Erano 46.746 (un arresto per resistenza alle forze dell’ordine e due bagarini fermati), incasso di 1 milione e 662 mila euro. E a San Siro, dove Mazzarri recupererà  Maggio e Aronica (ancora in dubbio Dzemaili), saranno almeno in seimila. Alto il morale della squadra: alcuni compagni hanno coperto con erba e cartoni la Ferrari del Pocho.

La Redazione
C.T.

Fonte: Repubblica

Calcio Napoli e altre news

[themoneytizer id=19885-23]
[themoneytizer id=19885-19]


SCARICA ORA LA NOSTRA APP!

app iamnaples apple

app iamnaples google