CdS – Cavani: “Un giorno mi piacerebbe incontrare Maradona”

Il "Matador": "Vincere un trofeo per i nostri tifosi"

Chi si ferma è perduto: e, due minuti, calcisticamente uno sbadiglio o anche un impercettibile battito di ciglio, pumm, sinistro a girare, nell’angolo lontanissimo. Chi si ferma non è Cavani, quindici reti in campionato quest’anno, cinquantasei complessivamente nel Napoli, il bomber tutto d’un pezzo – che avanza a testa bassa- s’infila in un’amichevole e la stropiccia a modo suo, mandando in estasi l’Uruguay e persino i «nemici» romeni, già scottati un anno fa dalla rete del 3-3 a Bucarest, poi strapazzati al San Paolo con l’1-0 al novantatreesimo che valse a se stesso e ai compagni il passaggio ai sedicesimi di Europa League, infine tormentati ancor prima di accomodarsi nelle seggiole per la sfida dell’altro giorno. E segna sempre lui, con le modalità meno prevedibili: al Chelsea la fece di spalla, sbucando dal nulla oltre la liena dei difensori; a Bucarest con una rasoiata dal limite area che pareva mossa da un radar, cercando l’attacco frontale: e l’uomo del giorno, mentre intorno c’è il clamore e sotto al proprio naso spuntano i microfoni di Gsp.ro, ha solo pensieri tenerissimi per Napoli. «Voglio vincere con questa maglia per questi tifosi impareggiabili». 

IO E DIEGO – 56 volte Cavani, con quella tendenza impressionante di offrire imprese, di inseguire recordo, di entrare tra i primi dieci cannonieri di sempre e poi di viaggiare a una velocità che neanche Sua Maestà il calcio: «Maradona è il migliore di tutti e di sempre, è unico. Quando sono stato acquistato dal Napoli non ho mai pensato di essere come lui, perché ciò è impossibile, né di spingere la gente a fare paragoni. Mi spiace soltanto non essere ancora riuscito ad incontrarlo, ma questo momento arriverà». 

IO E NAPOLI – La Coppa America, un’estate fa, fu un timbro, quasi un’investitura, praticamente una sfida (vinta), il volano per osservare l’universo calcistico dall’alto, per atterrare su Napoli e trascinarla con sé, per stimolare la critica ad avanzare duelli all’ultimo gol: «Io non voglio essere Messi, né inseguo il desiderio di far soldi. La cosa più importante resta ciò che realizzo, perché mi piace lasciare un ricordo. E’ difficile vivere a Napoli nel costante confronto con Diego, ma è anche stimolante: riesco a vivere la mia privacy con tranquillità, abbiamo tifosi formidabili, molto caldi, che condividono con noi ogni momento». 

IO E LE MIE VOGLIE – Venticinque anni: la felicità è adesso, coccolando Bautista assieme a Maria Soledad, e godendosi quella Napoli che lo ama sino al delirio. «Parlare di me in genere non mi piace, ma posso dire che il mio idolo di gioventù è stato Batistuta e a lui mi sono ispirato per la mia acconciatura. Ora sto attraversando un gran momento e di questo sono soddisfatto. Ma io ho pochi desideri, su tutto essere in buona salute e prendermi cura della mia famiglia. E poi voglio vincere un trofeo con la maglia del Napoli». 
Fonte: Corriere dello Sport
La Redazione
A.S.
Sartoria Italiana
Vesux
Gestione Sinistri

I Am Naples Testata Giornalistica - aut. Tribunale di Napoli n. 33 del 30/03/2011 Editore: Francesco Cortese - Andrea Bozzo Direttore responsabile: Ciro Troise © 2021 IamNaples
Salvo accordi scritti, la collaborazione con questo blog è da considerarsi del tutto gratuita e non retribuita. In nessun caso si garantisce la restituzione dei materiali inviati. Del contenuto degli articoli e degli annunci pubblicitari sono legalmente responsabili i singoli autori. - Tutti i diritti riservati Vietata la riproduzione parziale o totale dei contenuti di questo portale Tutti i contenuti di IamNaples possono essere utilizzati a patto di citare sempre IamNaples.it come fonte ed inserire un link o un collegamento visibile a www.iamnaples.it oppure al link dell'articolo.