CdS- Edu Vargas arrriverà a Napoli da eroe

Ha tenuto svegli migliaia di tifosi del Napoli fino alle 2 di notte. Tutti davanti ai computer ad ammirare in streaming la prodezza di Edu Vargas, il neo acquisto del club partenopeo che ha realizzato un gol capolavoro (pallonetto da fuori area) spianando così la strada ai suoi verso la conquista dello scudetto. Ed al di là dell’Oceano, «Turboman», ha mandato in visibilio i sessantamila fan dell’Universidad de Chile per la conquista del titolo di Clausura (il terzo stagionale dopo la vittoria della Copa Sudamericana e dell’Apertrura), nonchè rivoltato un’intera cittadina, Renca, dieci chilomentri da Santiago, dove ieri gli hanno preparato una grande festa in piazza per consegnargli la pergamena con il titolo di «Hijo ilustre de Renca», figlio illustre di Renca. Un addio migliore non poteva augurarsi il bomber cileno che nella classifica stilata dall’istituto di statistica mondiale dei goleador è stato inserito al nono posto davanti a Cristiano Ronaldo del Real Madrid e Villa del Barcellona per i suoi tredici gol (2 in nazionale e 11 nella Copa Sudamericana). Oggi Vargas trascorrerà il Capodanno a casa con i suoi familiari ed amici. Ma si tiene in costante contatto con i suoi procuratori (Ogalde ed Alvarado), nonchè con Maurizio Micheli, il capo osservatori del Napoli che nel frattempo è rientrato in Italia dopo un mese vissuto a Santiago.

L’ARRIVO

– Vargas è in ansia. Vorrebbe mettersi in viaggio per l’Italia e per Napoli già ad inizio della prossima settimana, ma non può. Esiste tutto un procedimento burocratico da rispettare prima di imbarcarsi. E il periodo festivo complica la situazione, di sicuro ritarderà l’iter e di conseguenza la partenza di «Turboman» che ha già le valigie pronte. Molti uffici sono chiusi e riapriranno soltanto martedì.
E martedì mattina, il Napoli è pronto per depositare i contratti in Lega a Milano. Intanto la Federcalcio cilena dovrà provvedere a spedire il transfer. Dopodichè i contratti dovranno essere ratificati dall’apposita commissione e quindi spediti al Coni che a sua volta dovrà comunicare all’ambasciata italiana a Santiago che è tutto a posto per il permesso di soggiorno. Solo allora Vargas potrà recarsi in via Clemente Fabres 1050 e chiedere il visto per venire in Italia. Qui non troverà ostacoli: l’ambasciatore Vincenzo Palladino è un napoletano doc che sta svolgendo una brillante carriera diplomatica all’estero e sa già tutto del passaggio del calciatore cileno all’ombra del Vesuvio.

«FATE PRESTO»

– Il Napoli ha invitato Vargas a restarsene in Cile e completare le pratiche prima di partire. Gli è stato così risparmiato un primo viaggio, tanto comunque sarebbe dovuto rientrare in Patria per ritirare il visto di soggiorno. Ma De Laurentiis, in vacanza su un’isola dell’Oceano Indiano, è entrato già in azione. Ha contattato Maurizio Micheli: « Facciamo presto, acceleriamo le pratiche, anche se gli uffici sono chiusi si può sempre preavvertire qualche funzionario ». Poi il presidente, telefonicamente, ha cominciato ad attivare i suoi canali. Vorrebbe far arrivare Vargas a Napoli prima della trasferta a Palermo. Cominciare a fargli prendere confidenza con il calcio italiano. Ma «Turboman» nella più ottimistica delle previsioni potrà arrivare in Italia solo giovedì 5. E i napoletani trovare nella calza della Befana, un gioiello di calciatore da far stropicciare gli occhi.

 

Fonte: Corriere dello Sport

 

La Redazione

A.F.

Calcio Napoli e altre news

[themoneytizer id=19885-23]
[themoneytizer id=19885-19]


SCARICA ORA LA NOSTRA APP!

app iamnaples apple

app iamnaples google