CdS – Ibrahimovic K.O., salterà anche Napoli?

Era attesa la definitiva consacrazione in Europa E invece...

Maledetta Champions! Quella di Ibrahimovic che ha iniziato nel peg­giore dei modi la sua 11ª edizione personale dell’unico trofeo che continua a sfuggirgli. Questa sera non ci sarà al «Nou Camp». Un infortunio muscolare all’adduttore destro l’­ha bloccato durante la rifinitura di ieri mat­tina a Milanello. Allegri ha conosciuto il re­sponso negativo un’ora dopo che Ibra aveva lasciato il campo. L’ecografia ha evi­denziato un problema all’ad­duttore che verrà diagnosti­cato con maggiore esattezza oggi. Per lo svedese si prean­nuncia uno «stop» che, come minimo, lo metterà fuori cau­sa per almeno 4 partite (Bar­cellona, Napoli, Udinese e Cesena).

SCONFORTO – Ibrahimovic ha abbandonato ie­ri Milanello scuro in volto. Aveva preparato molto bene questa super-sfida con il suo ri­torno al «Nou Camp» per la prima volta da avversario. Dopo essere stato ripudiato pub­blicamente da Guardiola (su precise disposi­zioni di Messi…) al termine della stagione 2009-2010, quella del triplete interista che aveva preso consistenza proprio nella semi­finale di Champions League dove il Barça era stato eliminato dal nemico pubblico numero 1 Mourinho.


STIMA
– Ma questa sera i due, se si fossero in­contrati, si sarebbero scambiati una sincera stretta di mano. La «pace» era stata sancita di recente con reciproche esternazioni di gran­de stima. Sarà per la gara di ritorno a San Si­ro (23 novembre), anche se a Ibra mancherà sicuramente fra i suoi ricordi la sfida di oggi. Una vera e propria rivincita personale nei confronti di un pubblico che non l’ha mai amato ma che, grazie anche ai suoi 21 gol, ha festeggiato una Liga, un Mondiale per Club, due Supercoppe di Spagna e una Supercoppa d’Europa.

GALLIANI – L’ad rossonero ha manifestato una certa sereni­tà nonostante la pessima noti­zia di Ibra ko.

«Stiamo calmi e stiamo tranquilli, gioche­ranno Pato e Cassano (che in­vece rischia la panchina, ndi), due campioni. Non mi piace piangermi addosso. Siamo campioni d’Italia e non an­diamo a disputare una gara ad eliminazione diretta. Ce ne saranno altre, andiamo avanti tranquilli. Il Barcellona è il club più forte del mondo ma il Milan è quello che ha più titoli. E’ una partita che potrebbe essere definita il derby del mondo. Giocheremo come abbia­mo sempre fatto nello stadio più bello del mondo. Sarà una festa per il calcio» .

PROBLEMA – Resta il fatto che l’assenza di Ibra, abbinata a quella di Robinho, rappresenta un bel problema per il Milan. Non solo questa se­ra, ma anche a Napoli domenica prossima in una sfida che ha già il sapore intenso dello scudetto. Forse in sede di mercato sarebbe stato necessario prevenire la cattiva sorte, acquistando un altro attaccante dopo aver va­lutato l’indisponibilità (e la conseguente «bocciatura» nella lista-Champions) di Inza­ghi, la cessione al Chievo di Paloschi e la po­ca fiducia (per ora) nel nuovo arrivato El Shaarawy che assisterà all’intero di girone di qualificazione alternandosi fra tribuna (a San Siro) e tv. A dire il vero nella fase finale del recente mercato estivo al Milan era stato of­ferto in prestito gratuito Adebayor dal City (con metà ingaggio pagato) e anche Amauri è stato trattato a lungo.

ASSENZE – Che Ibrahimovic sia a rischio-in­fortuni (si spera che almeno quello legato al­le squalifiche si sia attenuato…) si era già in­tuito nella fase finale della scorsa stagione dove in campionato lo svedese aveva saltato 9 gare (6 per squalifica). La caviglia offesa nella partita-scudetto contro la Roma (il 7 maggio all’Olimpico) ha avuto ripercussioni negative anche tre giorni dopo a Palermo nel­la semifinale di Coppa Italia dove lo svedese è subentrato, segnando anche un gol rivela­tosi inutile, solo nel secondo tempo. La par­tenza- sprint in questa stagione (due i suoi gol ufficiali, uno nel derby di Supercoppa d’Ita­lia e l’altro venerdì contro la Lazio) aveva la­sciato ben sperare. Ma è stata solo un’illusio­ne.

La Redazione

A.S.

Fonte: Corriere dello Sport

Tufano
Vesux
Pizzalo Pozzuoli

I Am Naples Testata Giornalistica - aut. Tribunale di Napoli n. 33 del 30/03/2011 Editore: Francesco Cortese - Andrea Bozzo Direttore responsabile: Ciro Troise © 2018 IamNaples Salvo accordi scritti, la collaborazione con questo blog è da considerarsi del tutto gratuita e non retribuita. In nessun caso si garantisce la restituzione dei materiali inviati. Del contenuto degli articoli e degli annunci pubblicitari sono legalmente responsabili i singoli autori. - Tutti i diritti riservati Vietata la riproduzione parziale o totale dei contenuti di questo portale Tutti i contenuti di IamNaples possono essere utilizzati a patto di citare sempre IamNaples.it come fonte ed inserire un link o un collegamento visibile a www.iamnaples.it oppure al link dell'articolo.