CdS – La Juve Stabia in ansia, Savio è sparito. Di nuovo

Ci è ricascato, neppure un anno dopo e sta­volta rischia seriamente di bruciare talento e carriera. Come a Monaco di Baviera il 14 ottobre del 2010, così a Castellammare di Stabia nel pomeriggio di ieri: Savio Nsereko è scomparso, non s’è presentato agli allena­menti e non ha neppure lasciato un preavviso, ir­ritando pa­recchio la so­cietà di Gi­glio e Man­niello che sul talento ugan­dese (di pas­saporto tede­sco) ha inve­stito parec­chio. Il comu­nicato dira­mato nel tardo pomeriggio: « Prenderemo i dovuti prov­vedimenti per tutelare i no­stri interessi» – anticipa la rescissione del contratto ed il ritorno alla Fiorentina, al­la quale poi spetterà gestire un ragazzo fortissimo, ma fin troppo umorale, già ca­duto da un ‘treno’ in piena corsa nell’esperienza tede­sca della scorsa stagione (un giorno dopo la denuncia del Monaco 1860 fu ritrovato a casa della sorella). L’unico ad aver quantome­no saputo della partenza di Savio è stato il tecnico Piero Braglia: un sms – « i contenu­ti sono personali» , spiega il toscano – e via da Castellam­mare, da quella dimensione nuova ed ambiziosa che avrebbe voluto agevolarne il rilancio.

«L’abbiamo già aiu­tato un mesetto fa – confida Braglia –concedendogli dei permessi aggiuntivi perché fosse al fian­co della so­rella, che era stata investi­ta. Noi siamo recettivi ai problemi del ragazzo, ma nella vita bi­sogna ancheassumere comporta­menticorret­ti».

E pensare che Braglia, dopo i richiami ad un impe­gno meno scostante – aveva pensato proprio alla rapidità di Nsereko per spaccare gli equilibri del Brescia, della prima casa dell’ugandese che con i lombardi trovò la consacrazione tra il 2007 e il 2009 fino a guadagnarsi il prestigioso trasferimento al West Ham. Ed invece bye bye: Savio c’è ricascato, è di nuovo scappato, fuggendo la seconda (e forse ultima) op­portunità di costruirsi un fu­turo da campione.

La Redazione

A.S.

Fonte: Corriere dello Sport

Tufano
Vesux
Pizzalo Pozzuoli

I Am Naples Testata Giornalistica - aut. Tribunale di Napoli n. 33 del 30/03/2011 Editore: Francesco Cortese - Andrea Bozzo Direttore responsabile: Ciro Troise © 2018 IamNaples Salvo accordi scritti, la collaborazione con questo blog è da considerarsi del tutto gratuita e non retribuita. In nessun caso si garantisce la restituzione dei materiali inviati. Del contenuto degli articoli e degli annunci pubblicitari sono legalmente responsabili i singoli autori. - Tutti i diritti riservati Vietata la riproduzione parziale o totale dei contenuti di questo portale Tutti i contenuti di IamNaples possono essere utilizzati a patto di citare sempre IamNaples.it come fonte ed inserire un link o un collegamento visibile a www.iamnaples.it oppure al link dell'articolo.