CdS – Mazzarri: “Coraggio ragazzi, regaliamo ai tifosi una serata indimenticabile”

 Sa tutto del Bayern, numeri da far spavento. Eppure Mazzarri non si scompone. Sa bene che il suo Napoli è capace di tutto se trova la serata giusta. Spiega:

«Servirebbe la partita perfetta. Noi cercheremo di sfruttare ogni loro minimo er­rore, ammesso che lo commettano. In ogni zona del campo dispongono di campionissi­mi. E li affronteremo in un periodo di forma stratosferico, sono reduci da nove vittorie e un pari. Numeri inconfutabili. Questo per noi dovrà essere di grande stimolo, bisogna sbagliare il meno possibile in entrambe le fasi di gioco. Vogliamo fare un risultato sto­rico per dare una grande soddisfazione a questo pubblico straordinario, la gente di Napoli lo merita».

SPINTA –E’ lui a suonare la carica. Fa corag­gio e si fa coraggio. Sperava almeno che il Bayern tenesse in minore considerazione il Napoli. Neanche quello. Ma se da una partegli dispiace, dall’altra lo inorgoglisce. Ha sa­puto dei complimenti di Rummenigge, degli apprezzamenti di Heynckes, dei commenti di alcuni calciatori del Bayern. Sottolinea:

«Guardate, ovunque si sono accorti di noi e del nostro gioco. In Inghilterra, in Spagna e in Germania. Non in Italia, però. Ci esaltano ovunque perchè proponiamo qualcosa di innovativo e siamo diven­tati anche oggetto di studio. Da noi, invece, no. Sento commenti che non stanno né in cielo, né in terra. Questo dispiace, è fastidioso ma so­no contento che diano la col­pa a me e lascino in pace i ragazzi. Noi sia­mo una squadra giovane e i giovani sono sensibili a certe critiche. Meglio che attac­chino me».

Ritorna sul Bayern e sulla sua forza tecni­ca, fisica nonché tattica: «Si tratta di una for­mazione che sa fare possesso palla e verti­calizzare. E poi, se vogliono, possono na­sconderci il pallone. Dispongono di due ca­tenesugli esterni molto forti. Anche a Man­chester inizialmente soffrimmo sulla destra. Noi, però, sappiamo sfruttare anche le vie centrali quando ci bloccano sui lati. Si è vi­sto a Manchester, con la percussione di Mag­gio e il gol di Cavani. Tatticamente prevedo una gara molto interessante. Dobbiamo cer­care di limitarli ma anche loro dovranno li­mitarci. Se poi ci daranno l’opportunità di verticalizzare, vedremo chi sarà più bravo. Poi, come sapete, ci sono gli episodi, che nelcalciodiventanofondamentali».

TRA I 7 PIU’ BRAVI DEL PIANETA –Mazzarri in­tende giocarsela fino in fondo. E non vuole che si parli di partita storica anche per lui. Né accetta domande sulla formazione:

«Ne ho già vissute altre di gare importanti. Per me si tratta di una partita da preparare per bene, penso solo a quello. La formazione la saprete domani quando avrò parlato a uno a uno con i miei giocatori. Se qualcuno mi dice che non se la sente, allo­ra decido diversamente».

 Un po’ di pretattica non guasta. Ma Zuniga sembra candidato a rilevare Dossena sulla cor­sia sinistra. Non vuole avven­turarsi in calcoli:

«Non ne ho mai fatti e tantomeno ne farò stavolta. Sappiamo di affron­tare una big ma il calcio è bello perchè imprevedibile».

Intanto una ri­vista giapponese, «Number do», lo ha inse­rito tra i sette allenatori più bravi al mondo, il primo è Guardiola. Degli italiani ci sono lui e Mancini che però allena in Inghilterra ed è stato già imbrigliato da Mazzarri: «The Lone Wolf», il lupo solitario che i napoleta­ni hanno imparato a conoscere e apprezzare.

La Redazione

A.S.

Fonte: Corriere dello Sport

Calcio Napoli e altre news



SCARICA ORA LA NOSTRA APP!

app iamnaples apple

app iamnaples google